A1 MASCHILE: TENNISTAVOLO NORBELLO SEMPRE PIU’ IN ALTO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
Il derby di A1 femminile a Norbello

STOP CASALINGO PER LA MARCOZZI

Altri due punti a sensazione e importantissimi in chiave salvezza per il Tennistavolo Norbello guidato da Catalin Negrila, capace di imporsi sul campo di Reggio Emilia dopo una sfida molto appassionante dove i due stranieri Yaroslav Zhmudenko e il cubano Moises Campos Valdes ottengono altre due doppiette. Il pongista ucraino si mantiene imbattuto dopo sei singolari disputati mentre il giovane cubano non solo ha la meglio su Crotti, ma riesce pure ad imporsi su un Seretti che ha avuto quattro match point a disposizione per regalare almeno un pareggio ai padroni di casa. I giallo blu ora occupano la seconda piazza alle spalle del Top Spin Messina.

L’Aon Milano Sport va a vincere sul campo della Marcozzi Cagliari nel posticipo della quarta giornata. I padroni di casa partono bene con il punto del portoghese Diogo Miguel Ferreira De Carvalho ma a seguire devono sottostare alla giornata “sì” di Matteo Mutti che sconfigge lo stesso luisitano e il nigeriano Makanjuola Kazeem. Su un totale di sette parziali disputati ben cinque li chiude a suo favore ai vantaggi. Dopo la sconfitta Guo Ze il marcozziano Antonino Amato, non ancora ripresosi totalmente da un infortunio ha dovuto lasciare il posto al suo compagno Massimo Ferrero che si deve inchinare all’ex Alessandro Baciocchi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Galante (M5S): “Sospensione temporanea non sia il primo passo per

Oggi pomeriggio, su piattaforma zoom, il Professor Beppe Ghisolfi, in

“Grande disponibilità del governo regionale al confronto con Confcommercio per

L’Inter è caduta in casa della Sampdoria perdendo 1-2 e

I cambiamenti climatici in atto stanno stressando i nostri animali

I rappresentati delle principali associazioni di categoria hanno espresso preoccupazione

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.