Brignano in scena a Lecce in una corsa contro il tempo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
a34fa7a1a42e4038b8b0dd7643302a53

Enrico Brignano riabbraccia Lecce con il suo nuovo, esilarante e imperdibile one-man-show “Un’ora sola vi vorrei”, uno spettacolo che è una vera e propria corsa contro il tempo. L’appuntamento rientra nel festival Suoni nel Barocco e si terrà domenica 1 settembre in Piazza Libertini a Lecce, a partire dalle 21. I biglietti sono in vendita nei siti online autorizzati e nei punti vendita Ticketone. Al netto dei diritti di prevendita il prezzo è di 60€ per le poltronissime numerate, di 50€ per le poltrone numerate e di 40€ per le poltrone non numerate. Infoline: 0832315200 e 3297761511.

La tournée di “Un’ora sola vi vorrei” parte ad agosto e presenta un calendario in rapido aggiornamento. Lo spettacolo è una riflessione sulle nostre ossessioni legate al tempo. “Ruit hora”, dicevano i latini. “Il tempo fugge”, facciamo eco noi oggi. Che poi, che c’avrà da fare il tempo, con tutta questa fretta? E come mai, se il tempo va così veloce, quando stiamo al semaforo non passa mai? A spasso nel suo passato, tra ricordi e nuove proposte che rappresentano un ponte gettato sul futuro, Brignano passeggia sulla linea tratteggiata del nostro presente, saltella tra i minuti, prova a racchiudere il fiume di parole che ha in serbo per il suo pubblico e a concentrarle il più possibile, in un’ora e mezza di spettacolo. Sì, un’ora e mezza. Ma il titolo dice “un’ora sola”. Sì, ma la mezz’ora accademica non ce la mettiamo? E poi c’è il condizionale “vi vorrei”, che indica un desiderio, non una realtà. O magari l’attore riuscirà magicamente, insieme al suo pubblico, a fermare anche il tempo?

Romano del quartiere di Dragona, classe 1966, Brignano è alla regia del suo ventesimo spettacolo teatrale e “Un’ora sola vi vorrei” segue il grandissimo successo di “Innamorato Perso”, la mise-en-scène prodotta da Max Produzioni e Vivo Concerti, con la quale il “Biglietto D’Oro” ha fatto ridere ed emozionare il pubblico italiano nei palazzetti di ben quattordici città lungo tutta la penisola.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

La vicepresidente del gruppo Forza Italia al Senato, Licia Ronzulli,

Ma non potete considerare la Leopolda un reato perché la

“In questi anni ho maturato la convinzione che non esista

Un palco di rispetto, quello della Sacra Birra, dove i

NO AL GOVERNO DRAGHI NO AL GOVERNO DI BANCHE E

Dipinto da Luca Signorelli per la Chiesa di Sant’Agostino a

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.