Il cardiologo che al telefono aiuta a prevenire l’infarto

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
cuore-

Sconfiggere l’infarto: questo l’obiettivo del servizio “Cardiologie Aperte”, il programma della Fondazione per il tuo Cuore che punta sulla prevenzione per ridurre l’impatto della prima causa di morte in Italia. A questo sono serviti i tre giorni di filo diretto tra pazienti e gli specialisti di Carate e Giussano, per fugare ogni dubbio o timore riguardo a questa patologia sempre più letale.

Il progetto prevede un’iniziale valutazione in ambulatorio, la consegna di un elettrocardiografo e l’invio ogni settimana del tracciato che il paziente, addestrato, fa da solo a casa. Quest’anno a causa della pandemia l’accesso agli ambulatori è stato limitato, per evitare rischiose situazioni di possibile contagio, portando così a oltre 20mila visitate di controllo saltate solamente durante il primo lockdown, che questo programma intende recuperare attraverso l’utilizzo della telemedicina. Per i casi più difficili o quelli più sospetti, ovviamente l’accesso in ambulatorio su prenotazione è consigliato dagli specialisti, ma è chiaro che fino a quando la situazione pandemica non si riuscirà a stabilizzare, questa è la strada da percorrere.

Un cambio di abitudini e di mentalità, specie per i pazienti più anziani, senza precedenti, che sta vedendo salire sempre più il numero degli specialisti aderenti (a ottobre erano 8, oggi se ne contano già 17), tra cui ovviamente i medici cardiologi lombardi, sempre in prima fila quando si parla di innovazione e cura del paziente.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

• La piattaforma aiuta i governi dei Paesi in via

Secondo il Sole 24 ore è il peggior governatore d’Italia.

Il Banchiere scrittore alla cerimonia degli Awards finanziari del 27/11

Un’ordinanza del ministero della Salute e dell’Interno pone il divieto

“Se Berlusconi aspetta l’intervento dell’Europa l’anno prossimo, secondo me pecca

CODACONS: SMENTITA FAKE NEWS SU CALO RECORD TARIFFE NEL 2019.

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.