Serie A: Juventus-Spezia 3-0, Pirlo ritrova la vittoria e consolida il 3° posto

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
juve

La Juve soffre un tempo, si fa imbrigliare da uno Spezia perfetto per un’ora di gioco, ma alla fine Pirlo azzecca i cambi dalla panchina e non c’è più storia. La sfida dell’Allianz ha confermato ancora una volta che c’è una Juve senza e una Juve con Morata: la prima è con poche idee e fa una dannata fatica a entrare in area, la seconda è ben più pericolosa con lo spagnolo bravo a far salire i compagni e a creare loro spazi. Il tecnico pesca proprio dalla risicatissima panchina i jolly che gli tolgono le castagne dal fuoco: lo spagnolo e Bernardeschi, infatti, fanno saltare il banco e condannato uno Spezia ancora una volta volenteroso e che oltre un’ora ha accarezzato l’idea di uscire indenne da Torino.

Pirlo perde anche De Ligt nel riscaldamento: c’è Frabotta al suo posto nel 3-5-2. Nella prima mezzora a fare la gara è la squadra che non ti aspetti. Lo Spezia gioca come sa e la Juve rimane a guardare, sperando nelle ripartenze. Gioca davvero bene la squadra di Italiano, una perfetta orchestra diretta da un maestro che non a caso è già entrato nel mirino dei grandi club. Marchizza, al rientro dopo due giornate per la brutta botta alla testa rimediata a Firenze, è il più pericoloso: al 7′ calcia fuori da ottima posizione, alla mezzora il suo sinistro è deviato da Demiral sopra la traversa. Della Juve, che palesa l’ormai solita difficoltà a fare gioco e a entrare in area di rigore, nessuna traccia a parte un paio di conclusioni di Kulusevki (murato) e Chiesa (destro largo al 15′), prima del risveglio nell’ultimo quarto d’ora. I liguri, perfetti fino a quel momento, cominciano a sbagliare qualche passaggio in costruzione, così i padroni di casa prendono un po’ di coraggio. Chiesa impegna Provedel (37′), Erlic si immola al 39 su Kulusevski e il palo interno nega la gioia del 20° gol in campionato a Ronaldo (42′).

La ripresa si apre con un retropassaggio da brividi di Vignali, con McKennie che intercetta ma a centro area il primo ad arrivare è Erlic. Anche l’inizio ripresa sembra sulla falsariga di quanto visto nella prima mezzora, fino alla doppia mossa vincente. Pirlo manda in campo Bernardeschi e Morata, che confezionano il gol che spezza l’equilibrio, con l’ex Atletico che anticipa Erlic e fa secco Provedel sul primo palo. Il guardalinee annulla in un primo momento per un fuorigioco dell’esterno, poi il Var corregge e rende giustizia (62′). Il gol subito fa crollare le certezze degli ospiti, che 9′ dopo subiscono il raddoppio: è ancora di Bernardeschi l’assist per Chiesa che, dopo la ribattuta di Provedel, lo fa secco sulla respinta. Il numero 1 spezzino vola su una punizione di Ronaldo (78′), ma nulla puà all’89 sul portoghese, che scrive un’altra pagina della sua leggenda: 767 gol in carriera come Pelé e 20° centro in campionato. La Juve torna a soffiare sul collo di Milan e Inter, per lo Spezia tanti applausi per gioco e atteggiamento.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

In conferenza stampa il presidente del consiglio Giuseppe Conte ha

Se le nostre piccole e medie imprese (Pmi) hanno un

Al fine di far fronte alla crisi di mercato nel

Ampio coinvolgimento di istituzioni ed enti per garantire lo svolgimento

Un picco mai visto. E l’inverno, che ancora deve arrivare,

Partita molto equilibrata con le orange che vanno spesso in

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.