STOP AGLI OLI DI PALMA E DI SOIA PER BIOCARBURANTI E ELETTRICITÀ

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
bosco-piero-620x400

STOP AGLI OLI DI PALMA E DI SOIA PER BIOCARBURANTI E ELETTRICITÀ DAL 1 GENNAIO 2023
Il Parlamento vota il ddl di delegazione europea che dà mandato al Governo di stabilire le rinnovabili del futuro: entro l’estate le nuove norme. Legambiente e Transport&Environment: “un altro passo verso la nostra vittoria per foreste, biodiversità e contadini indonesiani”.

L’olio di palma e l’olio di soia saranno esclusi dalla produzione di biocarburanti e di elettricità a partire dal 1 gennaio 2023. Lo sancisce la seguente norma, approvata ieri sera alla Camera dei deputati (dopo il passaggio al Senato del 30 ottobre scorso), che il governo dovrà includere nella prossima legge sulle energie rinnovabili:

“Sono esclusi dal 1 gennaio 2023 dagli obblighi di miscelazione al combustibile diesel e dalla produzione elettrica rinnovabile, così come dal relativo conteggio delle fonti rinnovabili e dai sussidi di mercato, le seguenti materie prime in ragione delle evidenze sugli impatti causati in termini di deforestazione, come descritti nella relazione tecnica che accompagna il suddetto atto delegato: a) olio di palma, fasci di frutti di olio di palma vuoti, acidi grassi derivanti dal trattamento dei frutti di palma da olio (Pfad); b) olio di soia e acidi grassi derivanti dal trattamento della soia di importazione”.

Ora, il testo dell’intero disegno di legge di delegazione europea, in cui questa norma è compresa, passerà di nuovo al Senato, poi al governo che presenterà la proposta completa di decreto legislativo sulle rinnovabili ai due rami del Parlamento entro l’estate per l’approvazione finale. Speriamo di averla al più tardi entro la fine dell’anno, se non altro per evitare ulteriori procedure di infrazione europee. Contiamo che la fine ai sussidi dannosi agli olii di palma e di soia divenga finalmente legge anche in Italia, come in Francia, Danimarca, Austria, Olanda, Svezia e Portogallo. Vigileremo sul governo perché l’obiettivo si realizzi, anche con l’aiuto del gruppo informale di deputati e senatori “stop palmoil”.

Legambiente e Transport&Environment ricordano che questa vittoria parte dalla condanna della pubblicità “ingannevole” del biodiesel Eni, il 15 gennaio 2020, dopo la quale Eni ha deciso di abbandonare l’olio di palma dal suo biodiesel entro il 2023. La nostra lotta proseguirà nei prossimi anni per ridurre le importazioni e i consumi di olio di palma, di soia per tutti gli usi speculativi e impropri di tutte le coltivazioni a rischio deforestazione.

“La transizione energetica ed ecologica – dichiara Stefano Ciafani, presidente di Legambiente – passa anche dalla fine della ‘deforestazione made in Italy’ e dallo stop alla combustione di oli alimentari come quello di palma e di soia. La decisione faciliterà soprattutto la crescita della mobilità elettrica, da fonti energetiche davvero rinnovabili, come solare, eolico e biogas o etanolo da scarti e rifiuti”.

Nel 2019 l’Italia ha consumato poco più di 1,4 milioni di tonnellate di olio di palma, destinandolo per oltre il 70% alla produzione di energia, metà nei serbatoi dei diesel e per metà in centrali elettriche “verdi”: il tutto incentivato con almeno 700 milioni di euro all’anno pagati dai cittadini ad ogni pieno carburante e in ogni bolletta elettrica. Ovviamente senza saperlo o poter scegliere prodotti alternativi. La crescita dei consumi di biodiesel ha causato, dal 2015 ad oggi, il 90% della deforestazione in Indonesia e Malesia per far posto a piantagioni di olio di palma. Dall’inizio del secolo (2001) ad oggi nei due paesi asiatici sono andati perduto 33 milioni di ettari di foresta: una superficie pari all’Italia e la Svizzera insieme.

Veronica Aneris, Direttrice di Transport&Environment per l’Italia, ha commentato: “La decisione di ieri della Camera dei Deputati di smettere di sovvenzionare il biodiesel da palma e da soia con i soldi dei contribuenti a partire dal 2023 rappresenta un importante passo in avanti verso la tutela della nostra fauna, delle nostre foreste ed una politica fiscale più coerente. Solo i carburanti veramente sostenibili dovrebbero essere promossi, come gli elettroni verdi da solare ed eolico ed i biocarburanti avanzati da rifiuti e residui”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

AI SENSI DEL DPCM DEL 3 NOVEMBRE 2020 In ottemperanza

Vivono del consenso degli schiavi stessi … se una massa

Il capo della polizia di Hong Kong, Stephen Lo, ha

Per recuperare le ore perse a causa del Covid, il

Un’interrogazione del consigliere del Carroccio chiede quanto la Regione abbia

Casa del Cinema ricorda Agata Guttadauro a cinque mesi dalla sua

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.