ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Milan-Genoa 2-1: un autogol di Scamacca regala 3 punti Champions ai rossoneri

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
milan

Un altro passo verso la Champions League. Tre punti pesanti come un macigno che il Milan ha conquistato da grande squadra, con consapevolezza e determinazione.

Contro il Genoa i rossoneri iniziano fin da subito a correre e di conseguenza le occasioni arrivano presto, anche senza il faro Ibrahimovic, in Svezia perché squalificato. Un piglio diverso per il Milan molto vivace e poco attendista: al 5′ il primo tiro con Theo Hernandez. Tanto gioco prodotto dagli undici di Pioli e tocca a Rebic sbloccare il match al 14′ con un potente sinistro dal limite dell’area: nulla da fare per Perin sugli sviluppi di una punizione calciata da Theo che “stende” Strootman. Portiere del Genoa impegnato anche poco dopo da un pimpante Leao. Trenta minuti ottimi, con l’unica pecca di un Calhanoglu macchinoso, poi il blackout. Luce spenta al 37′ quando Tomori su corner si dimentica di marcare Destro, l’avversario più pericoloso. Stacco di testa imperiale e 1-1 facile facile con Donnarumma incolpevole.

Inizio di secondo tempo con un Milan all’arrembaggio. Rossoneri ancora propositivi e subito l’occasione per la doppietta di Rebic: bruttissimo l’errore dell’esterno sinistro che solo dentro l’area piccola calcia di potenza spedendo la palla in tribuna. Occasione da gol anche per Calhanoglu dopo ottima combinazione con Saelemaekers. Al 60′ tocca a Kjaer sfiorare la rete su angolo. Tanto gioco, ma molta imprecisione sotto porta per gli uomini di Pioli. Allenatore rossonero che prova a cambiare con l’ingresso di Mandzukic per un deludente Leao e quelli di Dalot e Diaz per avere più spinta sulla destra. Milan che attacca a testa bassa e il gol arriva al 68′ su azione di calcio d’angolo: a metterla dentro Scamacca che di testa beffa Perin.

Nel finale un altro sussulto del Genoa con Masiello e Behrami murati sulla linea prima da Kjaer e poi da Tomori in un azione movimentata. Carattere per Kessie e compagni che portano a casa una vittoria assolutamente meritata contro un Genoa ordinato. La Champions League è più vicina.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

edilizia

Sappiamo bene che c’è ancora moltissima strada da fare, relativamente

Lanciata dalla Polizia di Stato la campagna di sensibilizzazione “Se

Non è una data fissata a caso o un semplice

In Lombardia, a Milano, la prima tappa della sfida dedicata

Accogliamo con parziale soddisfazione l’approvazione dell’emendamento alla manovra finanziaria che

“Cretinata colossale”. E’ secco e categorico il commento del senatore

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.