11 luglio 1995-11 luglio 2019, Mai Più

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
66762354_1353889464791399_7397054446837956608_n

Non possiamo dimenticare, soprattutto oggi, le 8372 vittime del genocidio di Srebrenica. Quei puntini di sospensione accanto al numero sono un segno che dà sgomento. Sono persone uccise in quei giorni di orrore (tra 6 e 11 luglio) e non ancora ritrovate e restituite ai propri cari.
Proprio oggi ne sono state sepolte 33, nel cimitero monumentale di Podorica, alle porte di Srebrenica, identificate dopo 24 anni, e ancora il dramma non è finito.
Tra i seimila partecipanti alla ‘marcia per la pace’ c’è Hasan, all’epoca ventunenne. Oltre ai fratelli, a un figlio e alla moglie, Hasan ha perduto nel genocidio i genitori e molti parenti stretti.
Oggi ha due figli ai quali, dice: “insegno la verità, ma soprattutto che non devono odiare nessuno; gli insegno che cosa è successo e che cosa può accadere se loro dimenticano”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

GENOVA – Per quattro anni avrebbe abusato sessualmente di due

Appuntamento venerdì 28 giugno all’ex parco Braille TRENTO – Continuano

di Greenpeace – Alcune grandi aziende argentine dedite alla produzione

Roma – “Finalmente le ambulanze ed i mezzi di soccorso

“Il vostro interesse mi onora e mi commuove…”. Viktor Orban

Prorogata fino a domenica 10 novembre 2019 la mostra Donne,

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.