174m Travel & Tourism jobs could be lost due to COVID-19 and travel restrictions, says WTTC

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
generico

Research reveals small yet positive job gains, driven by the return of domestic travel in a number of markets

Already in present circumstances, 143m jobs will be impacted

Worst forecast can be avoided if an immediate coordinated response is implemented

London, UK: New figures from the World Travel & Tourism Council (WTTC) reveal that despite a slight improvement since June, a staggering 174m Travel & Tourism jobs could be lost in 2020 if barriers to global travel remain in place.

The new figure comes from WTTC’s latest economic data, which looks at the punishing impact of COVID-19, as well as local and global travel restrictions on the Travel & Tourism sector.

If the current restrictions to international travel continue through to the end of 2020 – resulting in a limited recovery – the impact will be devastating, with as many as 174m million jobs lost globally.

Down from the 197m jobs as detailed in the previous study in June, WTTC says this positive gain is in most part driven by the return of domestic travel in countries such as China, which has shown a particularly strong recovery of its domestic market. It has also implemented a comprehensive testing and contact tracing programme, alongside health and hygiene protocols, further contributing to this significant increase.

However, the analysis shows that should current travel restrictions be removed sooner, globally, a staggering 31m jobs could be saved by the end of 2020.

This equates to more than half a million jobs saved every day between now and the end of 2020, which is the equivalent to almost the entire population of the U.S city of Atlanta or the Portuguese city of Lisbon.

Prolonged travel restrictions could also eliminate $4.7 trillion in the sector’s contribution to global GDP, equating to a loss of 53% compared to 2019.

Gloria Guevara, WTTC President & CEO, said: “Our latest data reveals the gravity of the long-term negative impact facing the global Travel & Tourism sector, if we don’t work together to resume international travel immediately.

“As travel restrictions around the world remained in place over the summer months, our estimates report an increase from 121m, to 143m jobs lost. In the space of just four months, our study has shown a further 22m jobs under threat worldwide. This is devastating news, and we need international coordinated action now.”

“The sector’s recovery will be delayed even further, with more jobs lost, unless quarantines are replaced with rapid, cost-effective testing at airports on departure, and air corridors. The longer we wait, the more the ailing Travel & Tourism sector faces total collapse.”

Just a few weeks ago, G20 Tourism Ministers hosted more than 45 CEOs and Members of WTTC who, at the request of Saudi Arabia, presented the 100 Million Jobs Recovery Plan to save the already crippled Travel & Tourism sector, and 100m jobs globally.

The game-changing plan was created with input from WTTC Members and covered a range of key initiatives which hinged on securing strong international coordination to re-establish effective operations and restart international travel.

Among other measures, this included eliminating quarantines and other travel barriers through the implementation of an international testing regime, combined with rigorous health and safety protocols, to enable the world to adapt to living with the COVID-19 virus while minimising the risk of it spreading further.

According to WTTC’s 2020 Economic Impact Report, Travel & Tourism was responsible for one in 10 jobs (330 million in total), making a 10.3% contribution to global GDP and generating one in four of all new jobs.

-ends-


174 milioni di posti di lavoro nel settore dei viaggi e del turismo potrebbero essere persi a causa del COVID-19 e delle restrizioni sui viaggi, afferma WTTC

La ricerca rivela guadagni di posti di lavoro piccoli ma positivi, guidati dal ritorno dei viaggi interni in numerosi mercati Già nelle circostanze attuali, 143 milioni di posti di lavoro saranno interessati La previsione peggiore può essere evitata se viene implementata una risposta coordinata immediata Londra, Regno Unito: nuovi dati del World Travel & Tourism Council (WTTC) rivelano che, nonostante un leggero miglioramento da giugno, nel 2020 potrebbero essere persi 174 milioni di posti di lavoro nel settore dei viaggi e del turismo se le barriere ai viaggi globali rimarranno in vigore.
La nuova cifra proviene dagli ultimi dati economici del WTTC, che esaminano l’impatto punitivo di COVID-19, nonché le restrizioni di viaggio locali e globali nel settore dei viaggi e del turismo.

Se le attuali restrizioni ai viaggi internazionali continueranno fino alla fine del 2020, determinando una ripresa limitata, l’impatto sarà devastante, con la perdita di ben 174 milioni di posti di lavoro a livello globale.

Scendendo dai 197 milioni di posti di lavoro come dettagliato nello studio precedente di giugno, WTTC afferma che questo guadagno positivo è in gran parte guidato dal ritorno dei viaggi interni in paesi come la Cina, che ha mostrato una ripresa particolarmente forte del suo mercato interno. Ha anche implementato un programma completo di test e tracciamento dei contatti, insieme a protocolli sanitari e igienici, contribuendo ulteriormente a questo significativo aumento.Tuttavia, l’analisi mostra che se le attuali restrizioni ai viaggi venissero rimosse prima, a livello globale, entro la fine del 2020 potrebbero essere salvati 31 milioni di posti di lavoro.

Ciò equivale a più di mezzo milione di posti di lavoro salvati ogni giorno da qui alla fine del 2020, che equivale a quasi l’intera popolazione della città statunitense di Atlanta o della città portoghese di Lisbona.

Restrizioni di viaggio prolungate potrebbero anche eliminare $ 4,7 trilioni di contributo del settore al PIL globale, pari a una perdita del 53% rispetto al 2019.

Gloria Guevara, Presidente del WTTC e amp; Il CEO, ha dichiarato: “I nostri ultimi dati rivelano la gravità dell’impatto negativo a lungo termine che deve affrontare il mondo Travel & amp; Settore turistico, se non lavoriamo insieme per riprendere immediatamente i viaggi internazionali.Il piano rivoluzionario è stato creato con il contributo dei membri del WTTC e ha coperto una serie di iniziative chiave incentrate sull’assicurazione di un forte coordinamento internazionale per ristabilire operazioni efficaci e riavviare i viaggi internazionali.

Tra le altre misure, ciò includeva l’eliminazione delle quarantene e di altre barriere di viaggio attraverso l’implementazione di un regime di test internazionale, combinato con rigorosi protocolli di salute e sicurezza, per consentire al mondo di adattarsi alla convivenza con il virus COVID-19 riducendo al minimo il rischio di diffusione. ulteriore.

Secondo il rapporto sull’impatto economico del 2020 di WTTC, Travel & amp; Il turismo era responsabile di un posto di lavoro su 10 (330 milioni in totale), fornendo un contributo del 10,3% al PIL globale e generando uno su quattro di tutti i nuovi posti di lavoro.

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Il 25 novembre ricorre la Giornata internazionale contro la violenza

Siglata a Bruxelles, la Carta di Venezia che sancisce la

A proporla Cisl e Filca siciliane, che al Governo della

“Nessuno pensa alle chiese aperte colme, però se, in tre

Emergenza Coronavirus: Il Sindaco di Imperia Claudio Scajola ha firmato

IL PREMIER? UN DUCETTO CHE USA FACEBOOK COME PIAZZA VENEZIA

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.