20 ANNI PER RIAVERE LE NOSTRE SUGHERETE BRUCIATE!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
incendio

Ci vorranno più di 20 anni per far ricrescere le sugherete bruciate nelle scorse settimane! L’allarme lo lancia #Coldiretti con particolare attenzione al suolo sardo e siciliano, dove sono andati in fumo migliaia di ettari. Una perdita enorme: basti pensare che il sughero italiano vale il 6% di quello prodotto in tutto il mondo, prodotto di altissima qualità utilizzata non solo per i tappi delle bottiglie di vino ma anche per l’edilizia e le scarpe.

La quercia da sughero può vivere fino a 250-300 anni, mentre solo ogni 9 anni si può prelevare dalla pianta il suo sughero: la perdita anche di una sola pianta rappresenta un danno incalcolabile in termini ambientali ed economici.

Si può accettare con tristezza un incendio di origine naturale (RARISSIMO), alimentato dal vento e favorito dal caldo, ma cosa dire quando gli incendi sono di origine dolosa?

Che cervello ha chi fa una cosa del genere considerati gli enormi danni di carattere economico, turistico, ambientale?

C’è bisogno di un inasprimento delle pene, prevenzione e maggiori controlli: è il nostro futuro ad essere messo in pericolo.

Tessa Gelisio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Manzi: “Invece di accanirsi su Scalfarotto, Calenda ci accompagni nelle

circa 900 stabilimenti balneari tra cui anche quelli della costa

Il festival dei colori più partecipato d’Italia sabato 8 giugno

Premio Carducci nelle scuole: premiati gli studenti. Cerimonia alla Casa

Seconda tappa del nostro tour artistico attraverso gli Stati Uniti.

Appuntamento questa settimana al Teatro Garibaldi di Figline con la

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.