ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

337 milioni per 15 nuovi elicotteri, il governo continua a aumentare spese militari. Basta!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
militari

Nemmeno in tempo di pandemia globale, crisi sanitaria, economica e sociale senza precedenti il delirio bellicista si interrompe: il governo acquista sommergibili, F-35, mantiene le occupazioni di Iraq e Afghanistan e annuncia nuove missioni in Mali.

A queste improvvide iniziative si aggiunge la conferma dell’acquisto di 15 elicotteri da guerra AW-169M marchiati Leonardo. Al netto dei miliardi che si spendono e si spenderanno per tutte le altre iniziative, il valore di questa commessa, al momento, è di 337 milioni di euro ossia poco meno dei 400 milioni che il governo ha stanziato per i comuni in piena emergenza sociale.
Basta! Il governo consideri la crisi nella sua dimensione attuale e futura e inizi a ragionare su riduzione, non aumento, delle spese militari, ridefinizione della politica di Difesa e su conseguente conversione industria militare.

Maurizio Acerbo, segretario nazionale
Gregorio Piccin, responsabile #pace
Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

È così che il Sindaco #Raggi ha definito la scritta

migranti

“RICHIEDENTE ASILO E’ CLANDESTINO FINO AL TERMINE DELLA PROCEDURA PER

Le linee programmatiche del governo rossogiallo, pubblicate sul blog del

“Non so se tornerò in tv, e non ho ancora

OroItaly: “siamo in ginocchio, ma non basta, vogliono vederci chiudere.”

scotto

Dunque, occhio a suonare il de profundis ( in senso

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.