A BORDO DELLA NAVE ITALIA CON I GIOVANI PAZIENTI DEL BAMBINO GESÙ

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
70194340_2604990663055442_1386900658489131008_n

Questa mattina il vicesindaco Giuliano Parodi insieme al capitano Luciano Desiderio ed al presidente dell’Autorità portuale, Stefano Corsini, ha dato il benvenuto a bordo della nave Italia ad un gruppo di giovani pazienti dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù che, da oggi fino al 7 settembre, svolgeranno attività ludiche ed educative a bordo della nave.
Particolare apprezzamento da parte dell’assessore Parodi per l’iniziativa che coniuga l’amore per il mare con la solidarietà: “E’ un vero piacere accogliere questa splendida nave nel porto cittadino sapendo che offrirà un’esperienza sicuramente unica e memorabile a bambini che stanno attraversando un momento di difficoltà.”.
L’ITALIA è una goletta armata a brigantino costruita nei Cantieri Navali di Danzica nel 1993, dopo numerose veleggiate tra l’Olanda e le Antille, nel 2007, grazie alla collaborazione tra Yacht club italiano e Marina Militare è diventata una nave dedicata a persone con disabilità e si è costituita, a bordo del brigantino, la Fondazione Tender To Nave ITALIA Onlus.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

“Verna dice che trasudo odio e che sarà il consiglio

Desidero ringraziare le forze dell’ordine e la magistratura per l’operazione

. Ieri pomeriggio ho accolto volentieri l’invito di Yoox Net-a-Porter

“Bene confronto, ma è importante capire come proseguirà e quali

Mentre Nardella e Firenze si fanno vanto della telecamera n°1000

La Commissione Bilancio del Senato approva un nostro emendamento che

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.