ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

A COSA SERVIVA L’ARTICOLO 18?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
acerbo

Riccardo Cristello, impiegato all’ex-Ilva di #Taranto, è stato licenziato per aver invitato sulla sua bacheca facebook a guardare la fiction #SvegliatiAmoreMio con Sabrina Ferilli.
Alla multinazionale #ArcelorMittal evidentemente dà fastidio che si parli di veleni e inquinamento.
Vi ricordate quando giornalisti, opinionisti, politicanti vi spiegavano che l’#articolo18 era una cosa vecchia, obsoleta, inutile?
Vi ricordate quando dicevano che i #padroni non esistono più?
Ecco a cosa serviva l’articolo 18.
A evitare il dispotismo aziendale. A fare entrare la #Costituzione anche nelle fabbriche.
L’obbligo di reintegrare il lavoratore licenziato senza #giustacausa dava a lavoratrici e lavoratori una concreta libertà che i neoliberisti gli hanno rubato.
Quella che ha subito Riccardo è pura intimidazione, puro fascismo aziendale.
È vero che l’articolo 18 si applicava soltanto ai dipendenti di aziende sopra i 15 dipendenti con contratto a tempo indeterminato. Ma in quel “solo” rientravano milioni di lavoratrici e lavoratori.
Invece di porre un freno alla precarizzazione del lavoro hanno tolto diritti a chi li aveva.
Solidarietà a Riccardo e alla sua famiglia.
Bisogna esigere che sia riassunto.
Battiamoci per reintrodurre e estendere l’articolo 18.

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

fedeli

“La sfida della ripartenza impone alla politica di assumere responsabilità

Ancora una volta ho voluto portare al Ministero dei Beni

Con l’accusa di avere aggredito selvaggiamente un gruppo di cittadini

“La Regione Piemonte intende aiutare concretamente i Comuni a difendersi

Museo MIIT – Torino – 17-23 SETTEMBRE 2020 TORINO –

Il monito-appello di Silvio Pedrazzi, Amministratore delegato di Intesa San

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.