A VOLTE GLI ORCHI HANNO LA FACCIA DEL PAPA’ BIOLOGICO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
violen

VENEZIA – Un uomo di 46 anni residente in un paese del trevigiano è stato arrestato con l’accusa di aver violentato la figlia di due anni e mezzo e aver messo poi in rete, per le chat di pedofili, i video di quegli atti. Il padre della piccola è stato individuato grazie ad una segnalazione della polizia australiana, che indagando sui siti pedopornografici nel dark web ha rintracciato i video e alcuni frame in cui compariva il volto del presunto orco, oltre al numero di targa di un’auto. Le indagini della polizia postale del Veneto hanno permesso di individuare la casa del 46enne, che è stato arrestato, su ordine della Procura di Venezia, per violenza sessuale pluriaggravata e commercio di materiale pedopornografico. L’uomo, che viveva da solo con la bambina, sua figlia biologica, è ora in carcere a Treviso

Il caso BIBBIANO, fa danno principalmente a questi bambini/e che vivino con genitori naturali o adottivi che perpetuano violenze di ogni tipo sui propri figli.

L’azione disgraziata da condannare in toto, di un pugno di deliquenti, rischia di mettere in discussione tutto il sistema di tutela del minore…

SERVE UNA REVISIONE TOTALE DEL SERVIZIO E UN CONTROLLO CAPILLARE E PERNICIOSO SU TUTTI I MOVIMENTI ECONOMICI, ma non lasciamo le vere vittime con famiglie inadeguate.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Ammontano a oltre 293 milioni di euro i contributi approvati

Vuoi vivere un viaggio all’insegna della socialità e scoprire una

L’epidemia di coronavirus è destinata nelle previsioni a durare per

In principio furono Gianfranco Funari, Michele Santoro e Gad Lerner.

“Una nave per la quarantena degli immigrati, capace di ospitare

Dal 1° gennaio 2020 la misura del saggio degli interessi

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.