ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Abbiamo ampiamente superato il mese dall’inizio dell’emergenza Coronavirus

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
collot

Ci dicono che forse siamo vicini al “picco”, ma se anche dovesse essere, siamo nel bel mezzo di una tempesta ad alta quota.
È bene dunque ragionare un attimo su quanto accaduto in questo mese
decisamente fuori dall’ordinario, per tutto il mondo e quindi ovviamente anche per noi, e di valutarlo con i nostri occhi, quelli della nostra gente, e non con le lenti del “andrà tutto bene” che ci sta proponendo il governo, ma che non regge all’evidenza dei fatti.

Stanno già proponendo di aprire tutto, o meglio solo le fabbriche, stanno pensando ancora una volta di fare pagare a noi la crisi economica che verrà. Questo non è possibile.

Durante questo mese ci sono tante dimostrazioni che non sarà possibile tornare al “tutto come prima”, e che serve un vero cambiamento, dimostrazioni di lotta, come gli scioperi spontanei che poi hanno portato allo sciopero generale del 25 marzo promosso dall’ USB Unione Sindacale Di Base pag. nazionale, e di istanze portate avanti da diverse forze sociali che si mettono insieme, come i coordinamenti territoriali per il blocco degli affitti e delle utenze partiti da un appello di Noi Restiamo e Asia Usb.

E come dice lo slogan cileno che ha girato tutto il mondo, che anche Potere al Popolo ha fatto suo nel comunicato dell’ultimo Coordinamento Nazionale: non possiamo tornare alla normalità perché la normalità era il problema.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

sardine

“Salvini arriva alla pelle delle persone? Ci sono due modi

La digitalizzazione è un processo incessante che sta investendo e

Il prato del Foro Italico, il cielo stellato, il lungomare

“Oggi a Roma è stato compiuto un altro passo avanti

PORDENONE – Il 23 aprile, certo: ma anche e soprattutto

Firenze – “Cento parlamentari (quasi tutti del M5S), dopo diversi

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.