ABROGARE I DECRETI SICUREZZA!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
collot

Il ministro Lamorgese dal salotto televisivo di Fazio ha promesso (un’altra volta) di cambiare i decreti Salvini. Secondo i rilievi fatti a suo tempo da Mattarella.

Cosa vuol dire? Mattarella firmò criticando l’aumento fino a 1 milione di euro della multa per chi salva i migranti in mare e il minimo di sei mesi per oltraggio a pubblico ufficiale senza tenere in conto la possibile “particolare tenuità del fatto”.

In pratica, Lamorgese annuncia di voler attenuare solo le parti più paradossali e platealmente indifendibili del decreto Salvini. Resterà quindi il “reato di salvare vite umane”, resterà la criminalizzazione del blocco stradale.

Noi abbiamo sempre detto che questi decreti, insieme ai precedenti decreti di Minniti, vanno aboliti totalmente, come abbiamo detto anche con una manifestazione nazionale a Roma lo scorso Novembre.

La nostra lotta contro questi decreti antipopolari continua e sarà anche dentro la giornata di mobilitazione del 1 marzo per la libertà di Nicoletta Dosio e tutti i No Tav!
#DecretiSalvini #DecretiSicurezza #Minniti #Salvini

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Casa del Cinema ricorda Agata Guttadauro a cinque mesi dalla sua

Quando ho partecipato a qualche quiz televisivo, ho dedicato sempre

Nell’era della cittadinanza digitale siamo entrati in un dilemma culturale

I riflettori accesi sono quelli sbagliati. Invece di parlare delle

«La Sicilia conferma la sua fiducia largamente maggioritaria alle forze

È solo un bluff. Giorgia Meloni non fa molto affidamento

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.