Afghan papers: per 18 anni l’opinione pubblica americana è stata ingannata da governo ed esercito sulla guerra in Afghanistan

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
guerra

Un lavoro impressionante del Washington Post, dopo tre anni di battaglia legale, svela la verità sulla guerra in Afghanistan. Così come i Pentagon Papers svelarono la verità sulla guerra in Vietnam.

Per 18 anni l’opinione pubblica americana è stata ingannata da governo ed esercito sulla guerra in Afghanistan portata avanti dagli Stati Uniti d’America.

Dichiarazioni false e prove nascoste per evitare di dover ammettere che il conflitto iniziato nel 2001 fosse ormai divenuto impossibile da vincere. Una guerra che ha fatto oltre 150mila morti di cui 47mila civili.

Il Wapo ha pubblicato documenti che includono più di 2000 pagine di note, trascrizioni, registrazioni audio inedite di interviste con funzionari governati che hanno avuto un ruolo diretto nella guerra (politici, comandanti, diplomatici) intervistati dall’Ufficio dell’ispettore generale per la ricostruzione in Afghanistan

In queste dichiarazioni riservate vengono elencati i principali fallimenti della guerra in Afghanistan e si sottolinea come tre presidenti americani – George W. Bush, Barack Obama e Donald Trump – e i loro comandanti militari non siano stati in grado di mantenere le promesse di vittoria.

I documenti contraddicono così tutta una serie di dichiarazioni pubbliche di presidenti, comandanti militari e diplomatici statunitensi, fatte negli anni, con cui si assicurava agli americani, anche con statistiche falsificate, che in Afghanistan si stavano facendo progressi e che per questo si trattava di una guerra che valeva la pena combattere.

L’intervista a Michael Flynn, il direttore dei servizi segreti dell’International Security Assistance Force [ISAF] in Afghanistan da giugno 2009 a ottobre 2010, è particolarmente devastante.

Descrivendo un “pregiudizio di positività” nel riferire a Washington, Flynn concluse che il “quadro roseo” che veniva riportato a tutti i livelli dall’Afghanistan era totalmente falso, e condannò la “mancanza di coraggio nel governo da parte dei funzionari più alti in grado di dire la verità ”. “Per un po ‘[i successi operativi su base quotidiana] forse mi facevano sentire bene, ma dopo il 2006, per me, era in realtà irrilevante perché stavamo solo uccidendo così tante persone e non faceva alcuna differenza”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

I casi politici del giorno sono stati l’indagine sul leghista

Torino  – È comparso nella notte tra martedì e mercoledì

Anche Marcelo ha voluto dimostrare il proprio supporto alla causa

Riconoscimento di Donald Tusk a Giuseppe Conte. Il presidente del

“La giustizia non deve essere più un peso per le

FORTI RINCARI NEL SETTORE ALIMENTARE. SOLO PER MANGIARE SI SPENDE

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.