ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Aggressioni alle forze dell’ordine, durante il lockdown aumentate del 30%

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
migranti

Roma – Con le misure restrittive del lockdown, che hanno quasi azzerato il traffico automobilistico, si è si verificata una flessione drastica degli incidenti stradali, ma in compenso si sono verificate più aggressioni agli agenti durante i controlli su strada. È quanto si evince dal bilancio stilato dall’Osservatorio Asaps ai tempi del Covid 19: nei primi quattro mesi dell’anno sono stati 913 gli attacchi rilevati nei confronti delle forze dell’ordine, il 30,6% in più rispetto ai 699 registrati dello stesso periodo del 2019.

“Forse ci si sentiva tutti un po’ più buoni e solidali – spiega l’Associazione amici sostenitori polizia stradale – ma sulle strade l’aggressività verso carabinieri e poliziotti non diminuiva, anzi cresceva giorno per giorno”. Nel 46,2% dei casi le aggressioni sono state compiute contro carabinieri (422 attacchi), nel 44,6% contro agenti di polizia (407), nel 7,7% contro vigili urbani (70). In 245 casi l’aggressore si trovava in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, pari al 36,5% degli episodi: in 353 casi gli attacchi erano opera di stranieri (38,7%), una percentuale in calo rispetto al primo quadrimestre dell’anno scorso, quando il fenomeno raggiunse il picco del 52,35, e a tutto il 2019, quando è stata del 48,3%.

In 129 casi (il 14,1%) è stato fatto uso di un’arma propria o impropria (bastoni, oggetti o addirittura la stessa vettura utilizzata per cercare di travolgere l’agente). L’Associazione imputa la causa di questa impennata anche alle misure restrittive del lockdown a base di controlli a tappeto, droni, sanzioni pecuniare comminate in modo spesso arbitrario, che hanno messo a dura prova i nervi di alcuni soggetti: “Emerge evidente – conclude l’Asaps – che i controlli su strada per il rispetto delle regole anti Covid-19 hanno scatenato spesso preoccupanti reazioni anche violente contro le forze di polizia durante i controlli su strada.”

Cristina Gauri

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

TROPPE INCERTEZZE SU EFFETTI PER SALUTE. LETTERA A 8000 COMUNI

Lesioni causate dal malfunzionamento degli airbag: a chi chiedere il

Il Rapporto annuale è frutto della collaborazione tra Ministero del

arte

Il MANN in cinque sensi: la nuova campagna social per

Specifico che non sono parole mie, e non so chi

All’indomani della scomparsa del vescovo emerito di Sion, e presidente

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.