Aggressioni sui bus, Uiltrasporti: il vaso è colmo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
atac

Subito interventi per la sicurezza del personale

Roma “Il vaso è colmo; non possiamo accettare oltre aggressioni e violenze fisiche e verbali nei confronti degli autisti, e del personale in generale, che operano nel settore del trasporto pubblico locale”.

Così Paolo Fantappiè, Segretario Nazionale, e Roberto Napoleoni del Dipartimento Nazionale Tpl della Uiltrasporti, a seguito dell’ennesima violenta aggressione, subita a Roma da un conducente di bus dell’ATAC sulla linea 46.

“Ormai, il contesto in cui il personale del trasporto pubblico si trova ad operare sulle strade dei nostri centri urbani è sempre di più insostenibile. Auspichiamo che le Aziende di trasporto, le associazioni datoriali e le Istituzioni, locali e nazionali, individuino e predispongano subito maggiori investimenti per la sicurezza dei lavoratori del Tpl.

“Esprimendo tutta la nostra solidarietà e vicinanza all’autista aggredito, a cui auguriamo una pronta guarigione – proseguono i due sindacalisti della Uiltrasporti – ricordiamo che la sicurezza sui luoghi di lavoro è regolata da leggi specifiche e che pertanto le aziende sono obbligate a trovare soluzioni che assicurino la sicurezza alle migliaia di lavoratori dipendenti.

“Chiediamo un incontro urgente con il Ministero competente per un maggiore coinvolgimento delle forze dell’ordine in questo settore, e siamo pronti in sede di rinnovo contrattuale TPL, ad avanzare proposte specifiche su questo grave problema”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Sabato 30 novembre visita guidata alla struttura e tavola rotonda

Fin dagli inizi della sua lunga carriera, iniziata a metà

”Ho letto l’appello-intervista accorata e pacata della vedova D’Antona. C’è

ll presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, ha detto che ”quando

Il racconto del coinvolgimento di Leonardo da Vinci nelle vicende

INFLUENCER, CODACONS REPLICA A UNC: NON CONOSCONO LA MATERIA, DOVREBBERO

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.