#AGRICOLTURA: IL 50% DEI PRESTITI BEI ALL’ITALIA

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
78331676_2447045448752100_4999910268386410496_n

I prestiti della Banca Europea degli Investimenti (BEI) destinati all’agricoltura, divengono operativi e l’Italia è in prima fila nell’utilizzo dei fondi destinati al settore primario. La Bei infatti ha firmato nelle scorse settimane i protocolli d’intesa con le banche italiane che riceveranno ed istruiranno le richieste di finanziamento da parte degli agricoltori, per un ammontare complessivo di 350 milioni di euro e quindi per il 50% del programma di prestiti da 700 milioni della Bei, dedicato anche ai giovani agricoltori a cui riserva almeno il 10% dei fondi e alla #bioeconomia. I risultati di un’indagine condotta su circa 7.600 agricoltori in 24 Stati membri dell’Ue, ha rivelato che le richieste di finanziamento delle aziende agricole, rispetto a quelle delle #Pmi di altri settori, più difficilmente hanno esito positivo, e che le loro probabilità di vedersi direttamente respinte dalle banche le domande di prestito sono maggiori. I giovani agricoltori poi, spesso privi di garanzie e di esperienza, incontrano difficoltà ancora maggiori nell’accesso ai finanziamenti. La stessa indagine ha rilevato che il 27% degli agricoltori europei si è visto negare un finanziamento bancario contro il 9% delle imprese appartenenti agli altri settori. L’iniziativa della BEI mira quindi ad incrementare gli investimenti a favore del settore agricolo, a lungo trascurato dal sistema bancario a causa del maggiore rischio percepito.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Viene presentata, questa mattina al Senato della Repubblica, la mozione

SITUAZIONE- Correnti fresche e instabili si spingono dall’Europa settentrionale verso

appuntamento internazionale che ha l’obiettivo di condividere e promuovere le

Le stabilizzazioni dei contratti partite già negli ultimi due mesi

Il tempo preciso, né più né meno, che serve per

Ribelliamoci all’appropriazione indebita del #tricolore da parte dei sostenitori di

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.