ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Agrigento: l’ex Collegio dei Padri Filippini diventerà il Museo della Città

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
cultura

Beni culturali, Agrigento: l’ex Collegio dei Padri Filippini diventerà il Museo della Città

L’assessore Samonà: «Un intervento che si inserisce nella più ampia politica di valorizzazione dei beni culturali siciliani voluta dal governo Musumeci»

L’ex Collegio dei Padri Filippini accoglierà il Museo della Città di Agrigento e ne racconterà la storia, dalla fondazione, avvenuta 2600 anni fa, fino ai nostri giorni. Le opere, finanziate con un milione di euro di fondi PO Fesr 2014/2020, riguardano la realizzazione di interventi di manutenzione straordinaria, l’acquisto di attrezzature, l’implementazione dei servizi di fruizione innovativa e la revisione dell’arredo interno. Punto di forza del progetto sarà l’innovazione tecnologica, attraverso l’utilizzo di strumentazione digitale immersiva e interattiva.

La realizzazione del museo si è resa possibile grazie alla convenzione stipulata tra il Comune di Agrigento e l’Ufficio speciale progettazione della Presidenza della Regione Siciliana che è intervenuto nelle fasi di progettazione, direzione lavori, coordinamento sicurezza, adeguamento funzionale e fornitura dei servizi del palazzo dei Filippini che, nelle previsioni di Agenda Urbana, fa parte del Polo culturale di Agrigento.

«Il progetto di valorizzazione museale dell’ex Collegio dei Padri Filippini – dichiara l’assessore dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, Alberto Samonà – si inserisce all’interno di uno scenario più ampio di valorizzazione e messa a rete del patrimonio regionale e sperimenta modalità di collaborazione attiva tra enti. La fase di progettazione esecutiva, di cui si è fatto carico l’Ufficio speciale di progettazione, esprime in maniera tangibile la volontà espressa dal Governo Musumeci di utilizzare tutte le risorse disponibili per promuovere il territorio. Un esercizio di buona politica che recupera il patrimonio monumentale, amplia e rinnova l’offerta turistico-culturale del territorio, definendo nuove mete e nuovi prodotti».

«L’intervento – dice l’ingegnere Leonardo Santoro, dirigente dell’Ufficio speciale progettazione – rientra nell’attività di supporto e collaborazione tecnica ai comuni voluta dal presidente Musumeci e dall’Assessore Samonà, al fine di utilizzare le risorse destinate alla valorizzazione del patrimonio culturale regionale».

Progettato da Fra’ Simone Mancuso, religioso e architetto, l’ex Collegio dei Padri Filippini si trova nel cuore di Agrigento, adiacente alla Chiesa di S. Giuseppe, lungo la via Atenea, arteria storica principale della città. L’edificio si sviluppa su quattro livelli ed è caratterizzato da un ampio scalone di ingresso inquadrato dal settecentesco portale in pietra calcarenitica locale. Passato nel 1860 in proprietà del Comune, il Collegio ha svolto nel tempo funzioni di scuola ospitando anche un piccolo museo di storia naturale, un osservatorio astronomico e una biblioteca. Attualmente l’ex Collegio è aperto al pubblico come museo e accoglie circa 4.000 visitatori l’anno che visitano sculture e disegni di artisti locali quali Lojacono, Giambecchina, Politi e Santella, donate nel tempo alla città e lì conservate.

mg/gr

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Quando note di colore e di musica diventano un’unica arte

pd

Un contributo di solidarietà a carico dei redditi più elevati,

VINCENZO MORELLI (CONFEDES): “L’ASSALTO AL PORTAVALORI A FOGGIA, EMBLEMA DI

«La nascita di uno dei principali gruppi automobilistici al mondo

GENOVA – Un protocollo di gestione clinica, condiviso a livello

jhonson

“State a casa, salvate vite”. Nuovo lockdown nazionale, il terzo,

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.