“Al #Mezzogiorno servono investimenti e una classe dirigente che dia rappresentanza politica al sud”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
sud

Il quadro del Mezzogiorno che emerge dagli ultimi dati Svimez è devastante. Si allarga sempre di più la forbice tra il nord e il sud del Paese, a discapito delle regioni meridionali. A nulla è servita la seppur debole ripresa del triennio 2015-2017, che ha avuto degli strascichi anche nel 2018, registrando in Basilicata un incremento del PIL del +1% dopo la forte accelerazione della crescita negli anni scorsi, pari addirittura +8,9% nel 2015.

Un incremento che porta ugualmente la Basilicata a essere fanalino di coda rispetto ad altre regioni del sud, come Abruzzo, Puglia e Sardegna, che registrano il più alto tasso di sviluppo. Diminuiscono fortemente gli investimenti e soprattutto aumenta il divario tra Nord e Sud anche sulla qualità del lavoro, in particolare negli ultimi tre trimestri il lavoro a tempo indeterminato cresce di 54mila unità al Nord e diminuisce di 84mila unità nel Mezzogiorno.

Ma la vera emergenza è lo spopolamento, è l’emigrazione verso il Centro-Nord e l’estero. Nel solo 2017 sono andati via 132mila meridionali, con un saldo negativo di circa 70 mila unità e sono più i meridionali che emigrano dal Sud per andare a lavorare o a studiare al Centro-Nord o all’estero che gli stranieri immigrati regolari che scelgono di vivere nelle regioni meridionali.

Questi numeri dimostrano che l’emergenza emigrazione del Sud determina una perdita di popolazione, soprattutto giovanile e qualificata, solo parzialmente compensata da flussi di immigrati, modesti nel numero e caratterizzati da basse competenze.

Tale dinamica determina soprattutto per il Mezzogiorno una prospettiva demografica assai preoccupante di spopolamento, che riguarda in particolare i piccoli centri sotto i 5 mila abitanti. Anche gli ultimi esultanti annunci sui dati Istat e relativi al saldo occupazionale mensile in realtà nascondono una situazione molto più complessa e in chiaroscuro, in cui sostanzialmente si registra un travaso di occupati tra le diverse classi di età e in definitiva una riduzione della forza lavoro per effetto del dato demografico e dell’invecchiamento della popolazione.

Fuga dei cervelli è fuga di competenze, indispensabili per lo sviluppo di un Paese dove, al Mezzogiorno, mancano quasi 3 milioni di posti di lavoro per colmare il gap occupazionale col Centro-Nord, attestati per la gran parte sui servizi e sull’industria.

Mancherebbe mezzo milione di occupati anche nei servizi sanitari e alle famiglie, segno che ad un rallentamento del dettaglio occupazionale corrisponde un impoverimento complessivo di politiche di welfare e della persona, in un Sud sempre più povero di infrastrutture sociali e che invecchia.
Di fronte a un quadro così drammatico si consuma un altro dramma, quello di una politica di governo in cui il dibattito sul Mezzogiorno è totalmente assente e in cui il sud non ha più alcuna rappresentanza politica. Una situazione che persiste nonostante gli strumenti con cui il governo nazionale ha ottenuto consensi, specialmente al sud – reddito di cittadinanza, quota 100 e immigrazione – sono risultati del tutto fallimentari.

E mentre avanza lo “spettro di una nuova recessione”, così come definito dalla Svimez, il dibattito continua ad essere alimentato da questioni che nulla hanno a che vedere con una visione del Mezzogiorno, totalmente assente nel panorama politico nazionale e regionale e volto solo a raccogliere ulteriori consensi.

Emerge un quadro in cui l’odio e la ricerca di consenso abbagliano l’opinione pubblica ed in cui una classe dirigente evita di confrontarsi con la complessità di un fenomeno, quello migratorio, che esaminato nel dettaglio e senza propaganda risulterebbe una voce di progresso e di futuro, specie per tanti nostri piccoli centri e aree interne che negli ultimi 15 anni perdono circa 250 mila abitanti.

Il Mezzogiorno chiede investimenti e diritti. Servono infrastrutture materiali e sociali per garantire una scuola e un presidio sanitario laddove risulta più difficile: in Basilicata solo 4 su 10mila anziani con più di 65 anni usufruiscono di assistenza domiciliare integrata. Serve una classe dirigente capace, in grado di cooperare, di difendere la Basilicata e il Mezzogiorno e di rilanciarne lo sviluppo con visione e responsabilità.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

“Come sto? E come sto dopo una richiesta di carcere

Che Diletta Leotta sia una delle una delle protagoniste del

Un evento ideato e condotto da Fabio Salvatore Entra nel

Dalle sospensioni degli adempimenti e procedimenti fiscali agli accordi di

Esito della riunione dei segretari regionali e dei dipartimenti di

Il Presidente della Repubblica potrebbe conferire l’incarico di formare il

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.