ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Al via la scuola internazionale “Agrometeorologia per un’agricoltura climate smart”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
agricol

ROMA – La sostenibilità del sistema agroalimentare e il suo adattamento agli effetti del cambiamento climatico passano anche dall’acquisizione di conoscenze, competenze e tecnologie sempre più avanzate per l’analisi e il monitoraggio dei dati agrometeorologici.

Questo lo scopo dell’International Advanced School of Agricultural Meteorology, dedicata a “Agrometeorologia per un’agricoltura climate smart” (Agricultural Meteorology for a Climate Smart Agriculture – CSA), che si svolgerà dall’8 al 19 marzo.

Prima edizione in Italia, la scuola è unica nel suo genere ed è dedicata a chi ha già competenze agrometeorologiche, ma vuole spingersi verso ulteriori ricerche e applicazioni. Ha ricevuto il supporto tecnico della FAO, è stata organizzata dall’Associazione Italiana di Agrometeorologia (AIAM) in collaborazione WMO-RTC, e con il contributo di CREA – Centro di ricerca Politiche e Bioeconomia. Nel Comitato scientifico, oltre al CREA, sono presenti l’Università di Firenze-DAGRI, il CNR-IBE e WMO-RTC e la FAO. Tra i docenti, figurano esperti provenienti dal CNR, dalla FAO, dall’Agenzia Spaziale Europea (ESA) e dall’Alliance of Bioversity International and CIAT. Sono oltre quaranta, infatti, i partecipanti, selezionati dal Comitato Scientifico, tra dottorandi, professionisti, docenti universitari, ricercatori di enti nazionali ed internazionali, funzionari di Agenzie Internazionali e di Servizi Agro-Idro-Meteorologici di paesi in via di sviluppo, con una cospicua provenienza internazionale.

In una classe virtuale della durata di due settimane, si alterneranno lezioni, discussioni di gruppo, casi di studio e formazione pratica per trasferire sul campo le conoscenze relative al clima, spaziando dall’agricoltura intelligente per il clima, alla comunicazione tempestiva degli impatti dei cambiamenti climatici (allerta precoce e risposta rapida), eventi estremi e ricadute sugli agroecosistemi, servizi climatici a supporto dell’agricoltura per ridurre lo sviluppo della siccità e la gestione delle emergenze, fino ad arrivare al telerilevamento e alle strutture e strumenti di osservazione della Terra dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA).

«L’agrometeorologia, ossia la disciplina che studia le relazioni tra le variabili meteorologiche e le diverse componenti dell’agroecosistema – spiega Filiberto Altobelli, ricercatore CREA Politiche e Bioeconomia e membro del comitato direttivo dell’Associazione Italiana di Agrometeorologia e della Scuola AIAM – ha lo scopo di sostenere la produzione e le attività agricole e alimentari. Le ricerche ed i servizi agrometeorologici per la comunità agricola, infatti, aiutano a sviluppare sistemi agricoli sostenibili. Questo si traduce in: migliorare la produzione e la qualità, attenuare perdite e rischi, diminuire i costi di produzione, aumentare l’efficienza nell’uso di acqua, manodopera ed energia, conservare le risorse naturali e ridurre l’inquinamento da prodotti chimici agricoli o altri agenti che contribuiscono al degrado dell’ambiente».

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

dimaio

Altro che commissariare la politica Draghi premier l’ha completamente estromessa

GENOVA – Dal Corno d’Africa a Genova. Alcuni dei 51

Con statistiche e percentuali c’è sempre il rischio di fare

conte

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte al Senato chiarisce alcuni

L’Italia si avvia a non avere più zone rosse. Con

“Le parole del direttore di Rai Uno, Stefano Coletta, durante

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.