ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Ancora poche certezze sugli inquinanti rilevati all’ITREC: ASM tarda ad inviare un parere sulle analisi di rischio

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
ambiente

In questi anni di attività in Consiglio Regionale abbiamo potuto toccare con mano i farraginosi meccanismi della burocrazia; meccanismi che spesso vanno ad incagliarsi con altre variabili come quelle ambientali.

Uno degli esempi più concreti è quello che riguarda il problema relativo alle operazioni di decommissioning dell’impianto ITREC di Rotondella. Purtroppo ci troviamo di fronte ad una situazione che deve tenere in considerazione una serie di fattori  poco chiari che affondano le radici su attività dismesse ormai da decenni. Come è ben noto, nel 2015, durante le attività di smantellamento degli impianti fu rilevata una fonte di inquinamento basata su trielina, cromo esavalente, ferro ed idrocarburi totali. Dalle prime indagini l’inquinamento fu ricondotto ai resti dell’impianto Magnox che operava nei primi anni ’80 all’interno del perimetro dell’ITREC. Le attività di caratterizzazione, condotte a seguito del rinvenimento di questi inquinanti, hanno tuttavia aggiunto ulteriori ostacoli all’attività di bonifica e messa in sicurezza dell’area.

Stando a quanto dichiarato da un rappresentante di SOGIN durante un’audizione in Commissioni riunite Ambiente e Attività produttive, le sorgenti di contaminazione a cui erano stati attribuiti i superamenti di soglia di trielina e cromo esavalente non sarebbero riconducibili all’impianto Magnox. Dalla relazione prodotta dal Dipartimento Ambiente, in risposta ad una nostra interrogazione, si evince che i serbatoi della Magnox sarebbero stati rimossi quasi completamente, mentre, dalle attività di monitoraggio dei piezometri concordate attraverso le conferenze dei servizi sono emersi altri superamenti di Solfato, Ferro, Manganese, Nichel e Fluoruri che necessitano di ulteriori approfondimenti. Emergono, poi, divergenze sulle analisi delle acque di scarico a mare e sull’organizzazione della rete dei piezometri per il potenziamento del monitoraggio. Infine si segnala l’assenza del parere dell’ASM in merito all’aggiornamento dell’analisi di rischio e adeguamenti della messa in sicurezza operativa. Questo mancato parere non consente la conclusione della Conferenza di Servizi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

La senatrice di LeU, Loredana De Petris, presidente del gruppo

Udine  – La Giunta regionale, su proposta dell’assessore alle Risorse

La Juve debutta a Udine domenica 22 alle 18.30, il

AMBIENTE. BOTTACIN, “SERVONO DEROGHE ALLE NORME EUROPEE SUL DEFLUSSO ECOLOGICO.

“Non me lo sarei mai aspettato. Senza comizi. Lavorando tutti

Silvio Berlusconi, in un’intervista al Giornale a proposito dell’atteggiamento di

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.