ANCORA VELENI NEL FIUME SARNO. BASTA!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
100827137_543650222994072_3904127256338890752_n

Questa mattina alcuni cittadini di #Sarno ci hanno segnalato che il Rio Palazzo, una delle sorgenti del Fiume Sarno, che attraversa il centro della città, ha subìto una strana colorazione bluastra.
Insieme alla collega parlamentare Virginia Villani abbiamo immediatamente provveduto a trasmettere tutta la documentazione fotografica agli Enti preposti ai controlli, alla salvaguardia del territorio e della salute, tra questi Asl, Arpac, Noe, Ministero dell’Ambiente, Capitaneria di Porto e Regione Campania.

Ci auguriamo che venga al più presto individuata la provenienza di queste acque inquinanti e le sostanze in esse disciolte. Ci è stato riferito fossero anche maleodoranti.

Il bacino idrografico del Fiume Sarno purtroppo continua a salire alla ribalta della cronaca come ricettacolo di scarichi inquinanti. Tutto questo a causa soprattutto dell’inerzia della Regione Campania- affermano le parlamentari del M5S. Confidiamo comunque nella solerte azione degli organi da noi ufficialmente sollecitati questa mattina.
L’ecosistema va salvaguardato, sempre, perché la salute e l’ambiente che ci circonda vengono prima di tutto! Il Ministro Sergio Costa sta facendo tanto ed anche i numerosi controlli di cui ho notizia degli ultimi giorni, fanno ben sperare e soprattutto dimostrano che lo Stato c’è. Questa battaglia ci vedrà sempre in prima linea.
#stopveleninelsarno

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

È già partita la campagna elettorale e come al solito

Venerdì 13 dicembre, nel 57esimo giorno della protesta cilena, il

Mercoledì prossimo, 16 ottobre, inizia il progetto “Peer memorial guides”,

Sono state queste le parole pronunciate da #IlariaCucchi dopo le

Quella immane tragedia, consumatasi ad appena 500 metri dalla costa

Dopo quello che è avvenuto martedì sera a Bruxelles, tutto

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.