Angeli custodi dell’ambiente: la Regione consegna 9 auto alle Guardie ecologiche volontarie

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
b6601d6c-378b-4673-ba89-8466e395a070

Veri e propri “angeli custodi” dell’ambiente, che svolgono una preziosa attività di vigilanza e controllo nei parchi, nelle riserve naturali e nelle aree protette dell’Emilia-Romagna. Arriva dalla Regione un nuovo aiuto concreto per le Guardie ecologiche volontarie: 9 Fiat Panda che l’assessora regionale alla Montagna, parchi e forestazione, Barbara Lori, e il sottosegretario alla Presidenza, Davide Baruffi, hanno consegnato oggi a Bologna. Sale a così a 26 il numero degli automezzi messia disposizione delle Gev, considerando anche le 17 assegnate nel corso del 2020.

Alla consegna ha partecipato anche Giuseppe Bortone, direttore dell’Agenzia per la prevenzione, l’ambiente e l’energia dell´Emilia-Romagna (Arpae).
Un servizio attivo dal 1989. Tra Rimini e Piacenza 16 raggruppamenti

La Regione Emilia-Romagna, tramite Arpae, finanzia le spese sostenute dai raggruppamenti Gev e mette a loro disposizione mezzi ed attrezzature utili all’attività di vigilanza ecologica. Come appunto le 26 Fiat Panda (modello1.2 easy power – gpl) assegnate grazie a uno stanziamento complessivo di 300 mila euro. Tra i criteri seguiti, la vetustà dei mezzi già in possesso e il numero delle guardie ecologiche presenti in ogni raggruppamento. Questa, dunque, la ripartizione per provincia delle 26 auto: 2 a Piacenza, 4 a Parma, 4 a Reggio Emilia, 3 a Modena, 3 a Bologna, 1 a Ferrara, 4 a Ravenna, 3 a Forlì-Cesena, 2 a Rimini.

Il Servizio volontario di vigilanza ecologica è stato istituito dallaRegione Emilia-Romagna nel 1989. Oggi le Guardie ecologiche volontarie attive sono 1.273, organizzate in 16 raggruppamenti territoriali presenti in tutte le province. Sono 79 a Piacenza; 139 a Parma; 218 a Reggio Emilia; 261 a Modena; 309 a Bologna; 58 a Ferrara; 64 a Forlì-Cesena; 83 a Ravenna e 62 a Rimini.

Le Guardie ecologiche volontarie operano per diffondere la conoscenza e il rispetto dei valori ambientali, in base a specifiche convenzioni, oltre che con Arpae, con altri enti pubblici territoriali. Svolgono un servizio pubblico volontario con compiti di polizia amministrativa. Alcuni raggruppamenti sono attivi anche nell’ambito della Protezione civile regionale e vengono impegnati in casi di emergenze e calamità. Conducono anche attività in materia di rifiuti (controllo della raccolta differenziata e segnalazioni di abbandono) e molte Gev sono inoltre abilitate alle funzioni di controllo e vigilanza dell’attività ittica e venatoria.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

TRENTO – L’amministrazione comunale invita tutti i cittadini ad un

Il prefetto di Catania Claudio Sammartino ha sottoscritto oggi un

Cari amici, nelle ultime ore Matteo Salvini e Giancarlo Giorgetti,

L’aumento dei contagi in Veneto non è legato “alla variante

Non lo racconti, credo, te lo porti addosso come un

“Il governo era al corrente dei rischi della pandemia ma

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.