ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

ANIMALI. SEQUESTRATI DALLE GUARDIE ZOOFILE DELL’OIPA TRE AMSTAFF

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
cane dentro

ANIMALI. SEQUESTRATI DALLE GUARDIE ZOOFILE DELL’OIPA TRE AMSTAFF ABBANDONATI DA MESI IN UNO SCENARIO DA INCUBO

Gli animali sono stati sequestrati e il proprietario denunciato alla Procura della Repubblica di Pordenone per abbandono di animali

PORDENONE – Abbandonati da mesi in una casa disabitata, tre giovani Amstaff su un tappeto di feci, senza acqua né cibo, in un contesto di estremo degrado. Questo lo scenario che si sono trovati davanti le guardie zoofile dell’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa), intervenute a seguito di una segnalazione. Gli animali sono stati sequestrati e il proprietario denunciato alla Procura della Repubblica di Pordenone per abbandono di animali (art. 727 del Codice penale).

I tre cani, una femmina e due maschi, sono ora ospiti del canile di Villotta di Chions. Ai due maschi, padre e figlio, sono state riscontrate cicatrici da morsi sul muso e s’ipotizza che abbiano lottato per la femmina. Non è da escludere l’ipotesi che fossero utilizzati per la riproduzione, poiché non erano stati sterilizzati.

«Dalla strada si sentivano i guaiti e dalla finestra aperta proveniva un forte odore di urina: un’aria irrespirabile», racconta Maria Laura D’Amore, coordinatrice nucleo delle guardie zoofile dell’Oipa di Pordenone e provincia. «Dall’esterno, abbiamo potuto scorgere un cane rinchiuso all’interno camminava sopra cumuli di feci, vestiti e oggetti sporchi di varia natura che formavano uno strato che copriva la pavimentazione. A quel punto abbiamo rintracciato l’intestatario della casa e lo abbiamo convocato. Arrivato, dopo aver chiuso il cane che stava in giardino, la femmina, in uno spazio adibito a legnaia, ha quindi aperto il cancello e ci ha fatto entrare nel cortile. In questa legnaia c’era solo una ciotola sporca e vuota. In tutta l’area esterna non vi era né cuccia né riparo adeguato».

Una volta entrati, gli agenti dell’Oipa di Pordenone si sono resi conto della pessima condizione igienico-sanitaria in cui erano costretti anche i cani all’interno.

«Aperta la porta d’ingresso dell’abitazione, è uscito subito un cane che, evidentemente assetato, si è precipitato a bere nel lavatoio del cortile», prosegue nel racconto Maria Laura D’Amore. «Per consentici di entrare nell’abitazione in sicurezza, il proprietario ha rinchiuso il cane in cortile. Una volta entrati, ci siamo resi conto che lo stato di estremo degrado igienico-sanitario in tutto l’appartamento era anche peggiore di quanto visto in precedenza dalla finestra. Gli animali non avevano a disposizione né cibo né acqua. Il terzo cane, chiuso in una piccolissima rimessa, viveva anche lui tra cumuli di feci e ammassi di rifiuti. Questo pattume copriva tutta la pavimentazione e, a tratti, raggiungeva un’altezza quasi mezzo metro; l’unico posto libero dove il cane poteva sedersi era il piano di un vecchio forno, posizione da dove poteva raggiungere una finestra schermata, chiusa».

Ora i tre cani hanno le cure che meritano nel canile in cui sono stati ricoverati. Trattandosi di un sequestro probatorio, non è al momento possibile chiedere l’adozione dei tre cani. Se il procedimento si concluderà con la confisca degli animali, se ne potrà chiedere l’affido.

Per segnalazioni di maltrattamento ci si può rivolgere alle guardie zoofile dell’Opa di Pordenone, che eseguono controlli e monitoraggio su tutta la provincia, scrivendo all’email [email protected]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Tormentato da anni dalle disastrose conseguenze delle piogge torrenziali, il

orlando

Il ministro del Lavoro ha convocato sabato sindacati e imprese,

Questa mattina, assieme a tutto l’Ufficio di Presidenza del Consiglio

gasparri

“Opportunamente il centrodestra ha avviato un confronto per la designazione

“Ho ascoltato ieri un grido di dolore e di indignazione

In Calabria la prima raccolta delle olive partirà dalla metà

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.