Antartide, trovate grazie al satellite 11 colonie di pinguini imperatori

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
ghiacciai

Il satellite a rivelato la presenza di esemplari di pinguini imperatori, una specie particolarmente minacciata dal riscaldamento globale per una rara e singolare caratteristica.

Ad insospettire gli scienziati sono state le caratteristiche macchie rossatre lasciate sulla neve. Il satellite ha fatto il resto e le immagini ad alta risoluzione hanno confermato la presenza di diverse colonie del pinguino imperatore, una specie che sinora era sconosciuta in Antartide.

Sono 11 le colonie individuate, alcune più piccole delle altre, di questo singolare esemplare che ha bisogno bisogno di ghiaccio marino stabile per nove mesi all’anno per riprodursi con successo. Per questa singolare caratteristica si tratta di una specie particolarmente a rischio, per lo scioglimento dei ghiacci dovuto al riscaldamento globale, ricorda Peter Fretwell, uno scienziato del British Antarctic Survey (BAS) che ha guidato la ricerca, pubblicata su Remote Sensing in Ecology and Conservation.

Una sorprendente scoperta per gli scienziati, infatti, sono state le due nuove colonie di uccelli trovate al largo, sul ghiaccio marino legato agli iceberg. Ogni nuova colonia ha diverse centinaia di pinguini. e sono tutti in aree a rischio. I ricercatori affermano che questi pinguini saranno come i “canarini in una miniera di carbone” poiché il riscaldamento globale colpisce sempre più l’Antartide.

​Sino a dieci anni fa gli scienziati conoscevano 30 colonie di pinguini imperatori, generalmente localizzati in luoghi remoti e inaccessibili, dove le temperature possono scendere a -50 gradi in inverno. Ma poi grazie all’alta definizione dei nuovi sistemi satellitari, con una risolzione di 30 metri satellitari Landsat, è stato possibile trovare nuove colonie.

Secondo alcune ricerche l’effetto serra decimerà le popolazioni di pinguini imperatori che entro la fine del secolo potranno ridursi da un massimo del 90% a un minimo del 30%, se si intraprenderanno misure per fermare il riscaldamento globale.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Festa della tammorra a Carinaro: al via la 14esima edizione

“Chiedo formalmente, fin da subito, di procedere alla convocazione di

È inaccettabile che i cittadini di Gravina e Poggiorsini siano

“Affrontare il nuovo con coraggio, senza paralisi”. È questo il

Cagliari – “La Giunta va avanti nell’azione di sviluppo e

Sono nato e cresciuto a Liverpool, sono orgoglioso di poter

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.