ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Antonella Viola punzecchia l’Ema: “Non ha preso una posizione chiara su AstraZeneca”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
viola

“Ema di nuovo non ha preso una posizione chiara”. Tra le tante voci critiche che si sono levate dopo la conferenza stampa di oggi pomeriggio dell’Ema, l’agenzia europea per i medicinali, c’è anche quella di Antonella Viola, immunologa e direttore scientifico dell’istituto di ricerca pediatrica Città della Speranza di Padova intervenuta ad Otto e mezzo, programma in onda su La7.

“Ema – dice la Viola rispondendo alle domande di Lilli Gruber nella puntata del 7 aprile – in questo periodo ha continuato ad indagare su questi casi sospetti e si è resa conto che non si può escludere la correlazione. Ora tutti i paesi europei stanno pensando di vaccinare solo gli over55 o 60. Ema di nuovo non ha preso una posizione chiara, si è semplicemente limitata a dire che ci sono questi casi che interessano principalmente donne e giovani in questa fascia d’età, però non ha dato un’indicazione precisa su cosa fare”.

La Gruber ha chiesto poi alla Viola se dall’Europa bisognava dare una posizione chiara ed univoca: “Probabilmente – risponde l’immunologa – avrebbe dovuto farlo per uniformare le scelte a livello europeo. In questa maniera ha detto praticamente a tutti i paesi che sono liberi di fare quello che credono sulla base della disponibilità dei vaccini che hanno, lasciando un po’ la decisione alle agenzie regolatorie”. Poi si passa alle decisione dell’Italia: “Il nostro Governo dovrebbe andare in quella direzione. Noi in questo momento abbiamo la necessità di vaccinare le persone anziane. Dai 70 in poi fino agli 80, perché poi fanno Pfizer. In questo momento noi comunque avremmo dovuto dedicare le dosi di AstraZeneca alla fascia 70-79 e a quella 60-69 e non ai giovani. Dobbiamo fare un rapporto rischi-benefici e quelli che rischiano di più sono gli anziani, quindi è normale – conclude la Viola – che sono queste quelle che vanno protette. La decisione deve essere questa”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Che sia per particolari condizioni atmosferiche o concomitanza nella coltura,

Domani 15 gennaio dalle ore 08,30 tornano in presidio presso

Da quanto emerge da un’analisi di Coldiretti, circa 6 milioni

AL GOVERNO C’È PROBLEMA DI SERIETÀ Intervenendo alla Camera sulla

Il presidente della Regione Molise, Donato Toma, ha emanato una

Siamo da parte diritti e condanniamo ogni forma violenza Nel

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.