Api. Agrinsieme, urgenti sgravi fiscali e incentivi per tutela e sviluppo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
il-miele-600x400

“L’apicoltura è un settore strategico per l’agricoltura nazionale e riveste una grande importanza dal punto di vista economico e ambientale; all’apicoltura, infatti, va riconosciuta la funzione fondamentale di base del sistema agricolo, poiché è grazie al servizio di impollinazione svolto dagli insetti pronubi che viene ottenuta una grandissima parte delle produzioni agricole. Le api, inoltre, hanno un imprescindibile ruolo nella tutela e nella preservazione della biodiversità, rappresentando degli ‘indicatori’ naturali di impatto dell’inquinamento ambientale”. Lo hanno sottolineato i rappresentanti del coordinamento di Agrinsieme, che riunisce Cia-Agricoltori italiani, Confagricoltura, Copagri e Alleanza delle Cooperative Agroalimentari, intervenendo in audizione davanti alla commissione agricoltura del Senato della Repubblica nell’ambito dell’esame dell’affare assegnato sulle problematiche dell’apicoltura.

“Per tali ragioni, è fondamentale individuare e promuovere misure che favoriscano lo sviluppo dell’apicoltura, che da diversi anni vive un momento di forte crisi, a causa del quale si produce meno miele del fabbisogno nazionale e si importano migliaia tonnellate di prodotto dall’estero, spesso adulterato. Per questo è importante implementare i controlli ufficiali sul prodotto importato”, ha fatto notare Agrinsieme.

“Per sostenere il settore è necessario mettere mano al sistema fiscale, prevedendo un’aliquota iva agricola anche per servizi di impollinazione, pappa reale e polline. È altresì importante valorizzare il sistema associativo, sulla falsariga di quanto fatto con l’ortofrutta, mirando al contempo a tutelare e valorizzare l’apicoltura attraverso degli incentivi per i produttori agricoli, da inquadrare nell’ambito dei PSR”, hanno suggerito i rappresentanti di Agrinsieme.

“L’apicoltura, inoltre, è sempre più esposta ai cambiamenti climatici e ai loro disastrosi effetti e sconta una grande debolezza verso alcune delle peggiori calamità naturali provenienti dall’estero, quali i parassiti dell’alveare come l’Aethina T. e la Vespa Velutina. Tali parassiti, infatti, rischiano di compromettere seriamente gli alveari, già indeboliti dall’aumentata aggressività della Varroa, e insieme alle mutate condizioni climatiche sempre meno favorevoli hanno assestato un colpo durissimo alle nostre api. Per questo è indispensabile studiare e introdurre adeguate misure di sostegno assicurativo al sistema”, hanno concluso i rappresentanti del Coordinamento.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Dopo il giugno più caldo di sempre, una nuova onda

“Dal Campo alla Tavola”, anche in Lombardia le consegne a

STA CREANDO NUOVE DISEGUAGLIANZE. L’INTERVENTO DI MAURIZIO LANDINI AL CONVEGNO

Alcune semplici regole comportamentali dopo un marasma di informaziono confuse

Gli analisti Citibank sono fiduciosi che nel prossimo anno o

Arrivano le giornate di raccolta dei libri a sostegno delle

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.