Appuntato dell’Arma si suicida con pistola d’ordinanza

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
14740017801_1f1bb454da_k-1-1-750x500

Nel silenzio dei media, continua la strage silenziosa degli appartenenti alle Forze di Polizia, numeri che stracciano ogni statistica e che dovrebbero far capire che il problema non è solo di natura familiare o economico, è un malessere più profondo e inascoltato.

Apprendiamo in anteprima che oggi pomeriggio a Foligno (PG), mentre era in servizio, un Appuntato Scelto dei Carabinieri 50enne, si è suicidato, esplodendosi un colpo con la pistola d’ordinanza. L’appuntato aveva recentemente perso la moglie.

Oltre 250 casi dal 2010: tra marzo e aprile di quest’anno uno a settimana.

I suicidi si susseguono con una cadenza impressionante. Una strage trasversale che interessa uomini e donne di tutte le realtà del comparto sicurezza e delle forze armate. E’ la 25° tragedia dall’inizio del 2019, il 7° suicidio per l’Arma dei carabinieri. Neanche un mese fa, anche in questo caso in Umbria, un appuntato si era tolto la vita impiccandosi.                                                                                                                 fonte https://infodifesa.it

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

L’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni HA CERITIFICATO che l’Ufficio

Fondazione Just Italia sostiene la Ricerca sul Medulloblastoma, il tumore

Questa mattina il gruppo Mare della Polizia Locale di Roma

Grande successo di Fratelli d’Italia “Esprimo soddisfazione per l’approvazione in

“Lo sviluppo del turismo piemontese è ancora agli albori. Si

Per la differenziazione del nome al Comune serve sempre il

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.