Arrestato Joaquin Phoenix, cosa è successo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
joker

Joaquin Phoenix è stato arrestato. L’attore, premiato di recente con un Golden Globe per il suo iconico ruolo di ‘Joker’, stava partecipando all’ultima manifestazione sul clima di Washington. Tra i dimostranti c’erano anche la veterana Jane Fonda (arrestata già diverse volte), Susan Sarandon e Martin Sheen, anche lui finito in manette.

Come si legge sulla Cnn durante l’evento Fire Drill Fridays, iniziativa settimanale (dura da 14 settimane) lanciata da Jane Fonda, sono state fermate 147 persone. La protesta di questa settimana si è concentrata sulle principali banche e investitori che finanziano l’espansione dell’industria dei combustibili fossili. È anche l’ultima protesta per il momento, poiché Fonda tornerà a Los Angeles.

Phoenix, prendendo la parola, ha ringraziato la collega per averlo invitato per poi affrontare la questione della produzione della carne e dei latticini a livello industriale, “terza causa principale di danni per il clima”. Poi l’invito a “scegliere cosa consumare” per fare da subito qualcosa contro il cambiamento climatico. “A volte mi sforzo di pensare cosa posso fare, e ci sono cose che non si possono evitare. Non posso evitare di prendere un aereo, ma posso cambiare il mio modo di mangiare, e spero che voi vogliate unirvi a questa causa”, ha detto ancora.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

“Fragile, opulenta donna, matrice del paradiso sei un granello di

Oltre 100.000 euro di sanzioni elevate in questo fine settimana

Dichiarazione dell’on. Osvaldo Napoli, del direttivo di Forza Italia alla

Conosco il significato della parola ‘difficoltà’ perché è nelle difficoltà

La Corte di Assise di Macerata, dopo cinque ore di

“Procedete” Amazon Prime Video e CBS hanno raggiunto un accordo

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.