Arresti Autostrade, Toninelli (M5s): “Via la concessione ai traditori dello Stato”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
toninelli

GENOVA – L’ex ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, il senatore M5s, Danilo Toninelli, commenta su Facebook la notizia dei nove arresti per “falsi report sulle condizioni dei viadotti di Autostrade” legati alla vicenda del crollo del Ponte Morandi. “Non bisogna arretrare di un millimetro di fronte a chi ha messo al primo posto la brama di profitto a discapito della sicurezza dei cittadini.. L’unica revisione possibile è quella che toglie la concessione a chi ha tradito lo Stato italiano”, rimarca Toninelli.

L’ex vice ministro leghista Edoardo Rixi, che con Toninelli ha lavorato per oltre un anno, non ha dubbi sulla mancata riconferma del ministro al Mit. “Non credo che Toninelli abbia pagato per aver ‘attaccato’ i poteri forti, secondo me Toninelli paga perché ha eseguito quello che gli ha detto di fare il M5S e in un momento in cui il M5S ha cambiato completamente la propria politica, era difficile riposizionarlo. Con Danilo in un primo periodo abbiamo lavorato bene. Su altre cose la pensavamo in modo assolutamente differente. Però lui ha sempre fatto quello che gli ordinava il M5S”, ha concluso Rixi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Stiamo lavorando a un percorso congressuale di Forza Italia, con

Ridurre l’autorizzazione a procedere verso Salvini a un fatto tecnico

Lo sciopero generale dei trasporti che vede venerdì 17 maggio

“Le immagini di questi giorni in alcune zone del Paese

“Negli ospedali lombardi, due mammografi su tre dispongono di tecnologia

Due soluzioni per servire il Polo Scientifico di Sesto Fiorentino.

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.