ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Auguri a Paolo Conte e Adriano Celentano

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
celentano

Il 06 gennaio , giorno dell’Epifania, festeggiano gli anni due grandi protagonisti della musica italiana: Paolo Conte (1937) e Adriano Celentano (Milano,1938). Il grande chansonnier astigiano ha scritto con Vito Pallavicini nel lontano 1968, uno dei brani più belli e conosciuti del ‘Molleggiato’, “Azzurro”. La canzone entrò subito nell’immaginario collettivo degli italiani, riscosse un enorme successo e raggiunse la prima posizione nella classifica annuale delle vendite del 1968 in Italia. Inoltre, rimase anche diverse settimane al numero uno della classifica in Austria. Per Celentano, oltre “Azzurro”, Conte ha scritto “La coppia più bella del mondo”, brano di grandissimo successo interpretato dal Molleggiato insieme alla moglie Claudia Mori con cui vinsero il Festival di Sanremo nel 1970. Quasi quarant’anni anni dopo, Conte – destando grande sorpresa, visto che non lo faceva più da anni per altri artisti – ha scritto un nuovo brano per Adriano, “L’indiano”. Un modo per ribadire ancora una volta quanto apprezzi il cantautore milanese. “Le possibilità che avevo come autore erano ridotte. I cantanti italiani non mi piacevano con quelle voci sdolcinate artificiose – raccontò qualche anno fa – Il pregio di Celentano è quello di essere capace di rendere immediatamente intelligibile un testo cantandolo, fosse anche l’elenco del telefono. E’ un modo umano, perfino banale, d’interpretare una canzone”. A Paolo Conte, con gli anni diventato uno dei nostri autori più prestigiosi, la cui fama ha valicato i confini, due anni fa è stato conferito il titolo di professore ad honorem in “Linguaggi musicali della contemporaneità”, nel corso di una cerimonia che si è tenuta nell’Aula Magna dell’Ateneo di Parma. Nelle scorse settimane, invece, un tributo è arrivato dalla Rai e dal Mibact, nell’ormai celebre operazione che ha visto 22 cantanti italiani recitare “L’infinito” di Giacomo Leopardi (poesia scritta 200 anni fa): a Paolo Conte è stato affidato il verso iniziale, “Sempre caro mi fu quest’ermo colle”. Insieme a Fabrizio De André, Conte è l’artista con il maggior numero di riconoscimenti da parte del Club Tenco, con sei Targhe e un Premio Tenco. Ha inoltre ricevuto un Premio Chiara nell’apposita sezione Le parole della musica. Tra gli album realizzati da Conte ricordiamo: “Paolo Conte” (1974); “Paris Milonga” (1981); “900” (1992) Tra i live: “Live in Caracalla: 50 years of Azzurro”. Celentano grazie alla sua carriera e ai suoi successi, anche fuori dai confini italiani, è considerato uno dei pilastri della musica leggera italiana. Per tutta la sua carriera, iniziata nel 1957, ha interpretato alcuni tra i brani italiani più noti come “24mila baci”, “Il ragazzo della via Gluck”, fino al più recente “L’emozione non ha voce”; progetti più recenti come “Io non so parlar d’amore”, e “Mina Celentano”, rientrano tra gli album più venduti della storia in Italia. Ha pubblicato oltre quaranta album discografici.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Napoli è una di quelle città che mantiene una forte

PER LA PRIMA VOLTA UN’IMMERSIONE TOTALE NELLE NOSTRE BELLEZZE La

orchestra

In un cartellone tutto estivo, il Teatro Carlo Felice riparte

Confagricoltura ha accolto positivamente la notizia delle misure straordinarie concesse

“Punto di riferimento imprescindibile per ogni autore, tra i più

E’ chiaro, allora, che la maggior parte dei prodotti che

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.