Autorizzazione Torre Nord, M5S: grave che abbiano tolto i limiti al carbone bruciato a TVN

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
66471201_2915327385176614_6624575501723762688_n

Nel corso del Consiglio comunale di ieri, in risposta ad un nostro intervento, abbiamo appreso con stupore e preoccupazione dalle parole dell’Assessore all’Ambiente Magliani che il gruppo istruttore della conferenza dei servizi per il riesame dell’Autorizzazione Integrata Ambientale di TVN ha tolto le prescrizioni che come amministrazione comunale avevamo inserito sui limiti alle ore di funzionamento e al tenore di zolfo del carbone, accogliendo le osservazioni di Enel contrarie a tali prescrizioni.
Ricordiamo che del gruppo istruttore fanno parte la città metropolitana, la regione, l’Ispra e il comune e va riconosciuto all’assessore Magliani di aver comunque sostenuto seppur in solitudine le nostre prescrizioni.
A questo punto non ci rimane che chiedere al Sindaco Tedesco di reinserire tali prescrizioni in sede di conferenza dei servizi, che si riunirà domani, ai sensi del Testo Unico delle Leggi Sanitarie, unitamente all’ulteriore prescrizione di un sistema di monitoraggio delle emissioni al camino indipendente da Enel. Come è noto, a differenza di quelle inserite in sede di istruttoria preliminare, le prescrizioni del Sindaco non possono essere ignorate. Siamo certi che il primo cittadino vorrà procedere in tal senso, anche perché durante la campagna elettorale si era pronunciato favorevolmente all’inserimento di tali prescrizioni.

Gruppo consiliare Movimento 5 Stelle

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

MODENA- Si parlerà del Fondo per la non autosufficienza e

Sul tavolo la retrocessione all’amministrazione straordinaria. I sindacati chiedono l’attivazione

CESENA – «Conte è un bravo sottosegretario alla presidenza: prepara

NAPOLI  – Giovanni Sgambati ed Antonio Aiello, rispettivamente segretario generale

All’indomani del passaggio a Parma del Giro d’Italia, si pensa

Circa 100.000 in più rispetto al 2017. Un incremento del

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.