ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Avevamo una grande chance come Paese di prendere misure epocali e senza precedenti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
conte

Senza precedenti che ci mettessero alle spalle quest’incubo senza fine.
Abbiamo scelto, ancora una volta, di allungare l’agonia, tentando di salvare un’apparente normalità già morta e sepolta da settimane.

Questa sera l’Italia, il Presidente del Consiglio, il governo, noi tutti, avevamo l’occasione di dare un segnale potentissimo che fosse da monito al mondo intero e salvasse migliaia di italiani.
Abbiamo preferito la via di mezzo, il colpo al cerchio e uno alla botte, la pillola dura dentro e zuccherata fuori.

Possiamo chiudere tutto e prenderci gli applausi, ma lasciare aperte aziende, fabbriche, poste, trasporti pubblici significa non solo non aver capito nulla di quello che sta succedendo, ma mandare in prima linea centinaia di migliaia di persone (operai, lavoratori, dipendenti che non possono rifiutarsi di uscire) ed esporre, di riflesso, le seconde e terze linee, in un circolo vizioso senza fine e senza uscita.

Stasera l’Italia non è più spaccata tra una regione e l’altra ma tra cittadini di serie A e di serie B, ignorando che viviamo tutti nello stesso luogo e respiriamo la stessa aria.

Oggi abbiamo perso un’occasione storica.
Potevamo chiudere TUTTO oggi e tornare alla normalità DOMANI. Abbiamo scelto di lasciare al virus una finestra aperta.

Questa era la sera delle scelte drastiche.
Sarà la notte dei grandi rimpianti.
E tra una settimana tutto sarà più chiaro.

Con le lacrime nel cuore, nessuno più di me spera di sbagliarsi. Nessuno.

Viva l’Italia. Viva gli italiani.
Ne usciremo comunque. Sarà solo tutto molto più lungo e doloroso.
🇮🇹 ❤️

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

renzi

L’accordo tra Ciriaco De Mita e Matteo Renzi per creare

La speranza per la risurrezione di Gesù o la nostalgia

QUALITÀ DELL’ARIA: COMUNI E CITTÀ METROPOLITANA INIZIANO IL CONFRONTO PER

La matematica ci fornisce molte regole “ufficiali” di come funzionano

Parla la capogruppo M5S in commissione Ue, Galizia: “La nostra

Nord Tempo stabile e in prevalenza soleggiato, salvo maggiore variabilità

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.