ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

AVVIO ATTIVITA’ ESTIVE. DONAZZAN, SPORT E ATTIVITA’ AGGREGATIVE FONDAMENTALI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
Sport

AVVIO ATTIVITA’ ESTIVE. DONAZZAN, “SPORT E ATTIVITA’ AGGREGATIVE FONDAMENTALI PER FAR RITROVARE SOCIALITA’ AI RAGAZZI”

L’Assessore Regionale all’Istruzione e alla Formazione del Veneto Elena Donazzan si è recata oggi in visita alla Società Tennis Bassano di Bassano del Grappa, che organizza e promuove dei centri estivi da molti anni, oggi nel pieno rispetto di tutte le prescrizioni e le norme di sicurezza atte a limitare la possibilità di contagio. L’Assessore, nel corso della sua visita ha incontrato la dirigenza della Società, rappresentata dai maestri Marco Fioravanzo e Marco Moretto, e gli animatori, alcuni dei quali sono studenti dei Licei “G. B. Brocchi” e “Jacopo Da Ponte” e dell’Istituto Tecnico “Luigi Einaudi” di Bassano del Grappa.

“L’importante sforzo organizzativo messo in campo dalla società – sottolinea l’Assessore Donazzan – è teso non solo a rispettare le principali disposizioni anti-covid, ma, anche e soprattutto, a garantire al contempo ai genitori la massima tranquillità e ai giovanissimi iscritti di tornare a vivere con gioia la pratica sportiva”.

“La pandemia ha portato all’isolamento – continua Donazzan -, moltissimo hanno sofferto i giovani, i giovanissimi e i bambini. È stato registrato un aumento dei disturbi dell’apprendimento, dell’alimentazione, anche nei maschi dove normalmente questo non accadeva. Le scuole hanno fatto il possibile per trovare normalità, ma i problemi si sono evidenziati nonostante la presenza di psicologi a scuola e nonostante il Veneto abbia coraggiosamente mantenuto le scuole del primo ciclo (elementari e medie) aperte, fatto salvo quando, per effetto del nostro ingresso in zona rossa, è scattato l’obbligo statale di chiusura”.

“Per quanto attiene alla pratica sportiva – continua ancora l’Assessore regionale – la situazione è particolarmente delicata: si stima un abbandono dei giovani rispetto alla disciplina prescelta di uno su cinque, con gravi danni alla propria salute e anche alle capacità relazionali. Lo sport può rappresentare per tutto il sistema educativo un’opportunità per ristorare, per quanto possibile, i nostri ragazzi. Anche per questo la Regione sta pensando ad implementare, con attività di socializzazione attraverso l’attività motoria e i laboratori teatrali, le iniziative già in essere dei centri estivi e delle scuole”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Come il turismo sulla neve influisce sulla domanda turistica in

La tranquilla vita di Roberto, ingegnere edile napoletano, viene sconvolta

Una edizione straordinaria per pubblicizzare le tue opere alla Biennale

“Stivali a Monte Sole”: tra fiaba e ombre il racconto

Ogni sabato e domenica guide e storici dell’arte di CoopCulture

Aggiornamenti Apple da fare. La società di Cupertino ha rilasciato

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.