ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Azzolina: “Non arretreremo sulla scuola, il futuro del Paese si costruisce tra i banchi”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
azzolina

Così la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, nella lettera inviata al Consiglio superiore della Pubblica istruzione, in occasione del termine del suo mandato quinquennale, mentre si moltiplicano le richieste di rinviare il ritorno in classe, il 7 gennaio, degli studenti delle scuole secondarie di secondo grado.

“L’emergenza che abbiamo vissuto e stiamo ancora vivendo ha rimesso la scuola al centro dell’attenzione del Paese. Un’attenzione che avrebbe meritato anche prima e che, purtroppo, non c’è sempre stata, soprattutto a livello politico, sia dal punto di vista culturale che dei finanziamenti, come voi stessi ricordate. Abbiamo per fortuna archiviato quella stagione e invertito la rotta, molto rapidamente, in questi mesi“, esordisce la ministra, ricordando in particolare lo sforzo fatto per garantire finanziamenti “pensati per durare nel tempo”.

Un impegno che “va avanti, nella consapevolezza che vanno tenuti insieme il diritto fondamentale alla salute e quello all’istruzione, entrambi strettamente connessi, come sappiamo, con il futuro dei nostri ragazzi e del Paese intero”, ha aggiunto Azzolina, rimarcando che “è a scuola e in nessun altro luogo che si gioca la partita più importante”.

“È fra i banchi che si costruisce, mattone dopo mattone, il futuro di ciascuna e ciascuno, il futuro della Nazione. Per questo sulla scuola non possiamo arrenderci e dobbiamo, ciascuno degli attori coinvolti, operare uniti, ricordandoci sempre del peso specifico che questa Istituzione ha nel percorso di ogni bambina e bambino, delle ragazze e dei ragazzi, nella vita del Paese. Arretrare sulla scuola, significa rinunciare a un pezzo significativo del nostro avvenire. Per questo non lo faremo”.

Azzolina ha quindi ricordato le Linee Guida siglate lo scorso 23 dicembre da governo, regioni ed enti locali per la ripresa della scuola in presenza a gennaio e la prosecuzione dell’anno scolastico in corso: “Un documento che contiene impegni precisi, per ciascuna delle parti, con riferimento alla questione del potenziamento dei trasporti, alla corsia preferenziale da attivare per i tracciamenti nelle scuole, al maggiore scaglionamento degli ingressi di istituti scolastici, di uffici e attività commerciali. Un piano che si posa anche sull’importante e solido lavoro condotto a livello territoriale, Provincia per Provincia, dai Prefetti, in collaborazione con gli Uffici scolastici territoriali, gli Enti locali, le aziende di trasporto”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

La ristrutturazione della sede di Palermo sembra ormai inevitabile. Per

Elena Lucrezia Piscopia Cornaro (1646 – 1684), figlia di Giovanni

Cosenza – Palazzo Arnone 21 novembre 2019/12 gennaio 2020 INAUGURAZIONE

Ma la destra considera gli occupanti per necessita come delinquenti.

GENOVA – L’ultimo decreto del Governo sul mondo del lavoro

Se i ragazzi di diverse generazioni e di tutto il

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.