Baghdad, razzi vicino ambasciata Usa

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
guerra

Non hanno provocato vittime né danni i razzi lanciati contro l’ambasciata americana a Baghdad. Lo rendono noto fonti della sicurezza che si trovano all’interno della zona fortificata nel centro della capitale irachena. Intanto, la coalizione guidata dagli Usa in Iraq ha confermato che razzi di piccola portata hanno colpito questa mattina presto anche una base militare irachena che ospita truppe della coalizione.

“Non vi sono vittime, è in corso un’indagine”, ha detto un portavoce della coalizione senza aggiungere altri dettagli su Twitter. Non è ancora stato specificato se i due lanci di razzi siano stati parte di uno stesso attacco che per il momento nessuno ha rivendicato.

Negli ultimi mesi la Green Zone, dove si trovano gli uffici del governo iracheno e le ambasciate straniere, è stata oggetto di diversi attacchi nell’ambito delle crescenti tensioni tra Usa ed Iran, culminate con l’uccisione, in un raid con un drone Usa, del generale iraniano Soleimani all’inizio di gennaio. All’attacco gli iraniani hanno risposto qualche giorno dopo con un lancio di missili contro basi militari irachene che ospitano soldati americani.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

A TUTTI I CITTADINI CON MENO DI 29 MILA EURO

Inaugurato  alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e

Il prossimo 28 maggio è il termine ultimo per le

Roma –  “In questo Paese si continua a morire di

“Finalmente la fondazione ‘Il Forteto’ è stata sciolta: un passo

Sull’evasione: “Conte dia l’esempio: carcere al suocero e alla moglie,

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.