ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Banca Carige, spuntano quei 695 milioni depositati (e poi prelevati) dalla Cei

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
carige

695 milioni della Cei, la Conferenza Episcopale Italiana, prima depositati e poi ritirati nell’istituto Banca Carige tra il 2017 e il 2018. Soldi, parecchi, che finiscono nelle casse della banca tutti insieme e poi ne escono prelevati in tranches da dieci, venti, cento milioni. A raccontare l’operazione è Ferruccio Sansa sulle pagine de Il Fatto Quotidiano, ricostruendo i movimenti di quella somma sulla quale oggi indagano gli investigatori.

“Il 5 luglio 2017 la Cei deposita cento milioni. Il 22 novembre vengono ritirati i primi 28. Nelle settimane successive altri 26 milioni, poi 28, ancora 26 e infine 18. Il saldo torna a zero”. Altri due versamenti sarebbero poi arrivati nel 2018, uno da 112 milioni (10 gennaio) poi nuovamente recuperato in tranches e un altro, la fetta più grossa, il 28 giugno 2018: 483 milioni.

Una vera e propria boccata d’ossigeno per Carige, che si trovava a vivere un periodo complicato segnato da un’emorragia di depositi. Anche in questo caso, poche settimane dopo il versamento di quasi mezzo miliardo, cominciano i prelievi: appena un mese dopo se ne vanno 350 milioni. A dicembre rimangono cento milioni. Resteranno fino al 28 dicembre, uno dei passaggi chiave nella storia dell’istituto: pochi giorni prima, infatti, la famiglia Malacalza (socio di maggioranza) aveva votato contro l’ennesimo aumento di capitale. Le azioni crollavano e si parlava di una fuga di depositi. Il 2 gennaio 2019 sarebbe poi arrivato il commissariamento.
Una veduta esterna della sede di Banca Carige, Genova, 08 gennaio 2019. ANSA/LUCA ZENNARO

Cei sostiene che il denaro depositato e poi ritirato sia frutto dell’8 per mille e che dietro spostamenti così rapidi non ci sia alcun mistero: “Non sono operazioni finanziarie. Ci appoggiamo a una banca per un breve periodo in attesa di utilizzare il denaro sul campo. Ovviamente le date dei depositi e dei prelievi non vanno messe in relazione con le vicende societarie della banca, che non ci riguardano. Noi riceviamo i denari dallo Stato a giugno”. Carige sarebbe stata scelta perché offriva un tasso dell’1,5% circa.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

“La decisione assunta oggi dal consiglio del Fondo di tutela

Che fatica che stanno facendo non pochi commentatori politici per

distefan

I dati ISTAT sul 2020, annus horribilis per l’economia globale,

Avvicinare i cittadini alle istituzioni e restituire loro la fiducia

In questa estate SENZA MUSICA (e sottolineo senza), ho incontrato

“La realizzazione degli investimenti previsti dal PNRR, e più in

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.