Barbagallo: inaccettabile scelta di tagliare costi del lavoro

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
BarbagalloNEW7_large

L’annuncio da parte di Unicredit di 8mila esuberi è semplicemente da rispedire al mittente. Non merita di essere definito piano industriale quello che si fonda sull’inaccettabile logica del tagliare i costi del lavoro per fare utili. La scelta di valorizzare gli azionisti e di svilire i lavoratori ha un respiro cortissimo.

La missione degli Istituti di credito dovrebbe essere quella di sostenere i territori, le famiglie, le imprese, ed affermarsi come uno dei motori del sistema economico del Paese. Unicredit, invece, non si capisce cosa intenda fare. Noi ci opporremo a questa impostazione. L’azienda faccia un passo indietro: bisogna dare prospettive serie alla banca e a tutti i suoi lavoratori.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Da quando siamo al Governo, a dispetto della narrazione distorta

Vogliono farmi tacere. I membri togati del CSM mettono in

“Sono d’accordo con il Presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, a

Forza Italia va in ordine sparso alle regionali in Calabria.

Sesta stagione teatrale del Teatro Magnetto di Almese a cura

Ho depositato un disegno di legge al Senato per la

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.