BARLETTA PLASTIC FREE: TUTTO FERMO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
64788073_2364252923667870_6600073018242760704_n

Lo scorso primo Aprile il Consiglio comunale ha approvato la nostra mozione per attuare anche a Barletta la strategia Plastic Free: con un emendamento della maggioranza si dava anche mandato alle Commissioni Ambiente, Affari Sociali, Affari Istituzionali e Attività Produttive per riunirsi ed elaborare un regolamento e mettere in atto quanto approvato. Ma a distanza di due mesi nulla è stato prodotto e non si è ancora dato nessun seguito a quella mozione. L’Amministrazione ha disatteso anche l’impegno di eliminare la plastica monouso non biodegradabile dagli edifici pubblici di sua competenza, con la sola eccezione dell’aula consiliare, dove bicchieri di plastica (non compostabile) e bottiglie di vetro fanno bella mostra di sé, come in un museo. Eppure anche in questo ambito tanto si potrebbe fare, sostituendo bicchieri e cucchiaini di plastica nei tanti distributori automatici, ad esempio. In Italia le ordinanze che adottano la strategia Plastic Free sono ormai all’ordine del giorno. Anche la Regione Puglia ha vietato l’uso di posate e piatti in plastica monouso lungo tutte le coste regionali, compresi lidi privati e spiagge libere della nostra città. Abbiamo perciò una paradossale situazione: lungo le spiagge di Barletta la plastica monouso non biodegradabile è vietata, mentre in tutto il resto della città questo divieto non esiste. Il Jova Beach Party, evento clou dell’estate barlettana, sarà rigorosamente Plastic Free. Rischiamo perciò, quel giorno, di ritrovarci con l’area del concerto come fosse un’isola, circondata da un mare di plastica. Non comprendiamo quale sia la causa di questa situazione, dove il sindaco e la sua amministrazione latitano. Eppure in altri contesti, l’impegno per contrastare l’inquinamento da plastica, specialmente marino, non manca. Ci rifiutiamo di pensare che questa inazione sia dovuta al fatto che la mozione è targata M5S e perciò si rischia di attribuire a questo un qualche merito. Ci aspettiamo invece che si rompano gli indugi e si agisca con decisione, visto che la stagione estiva è già cominciata e tantissimi affollano il centro storico e i locali commerciali cittadini, producendo una mole importante di rifiuti in plastica monouso.

Giuseppe Basile
Maria Angela Carone
Antonio Coriolano
Consiglieri comunali Movimento 5 Stelle

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Fine settimana caratterizzato da due appuntamenti appoggiati economicamente dal CIP

Non essere d’accordo con qualcuno è il miglior punto di

CODACONS: MA NEL 2020 TARIFFE RISCHIANO DI AUMENTARE PER EFFETTO

Mario Adinolfi, presidente nazionale del Popolo della Famiglia (PdF), offre

Si è conclusa all’Ermitage, in occasione del 255° compleanno del

l divario generazionale è una delle cause del divario digitale.

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.