ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

BASTA GIOCHETTI! ASPI PASSI SUBITO A CASSA DEPOSITI E PRESTITI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
autostrade

Il crollo di Ponte Morandi a Genova, con il suo tragico e indelebile carico di 43 vittime, ha scoperchiato un vaso di Pandora di mala gestione e speculazione ai danni dei cittadini. Le concessioni autostradali gestite non nell’interesse del Paese e di chi circola su ponti e viadotti, ma con l’obiettivo prioritario di intascare lauti dividendi.
La manutenzione dell’infrastruttura era un costo da evitare e non un investimento indispensabile. Come se la sicurezza di automobilisti e autotrasportatori non fosse l’obiettivo principale del lavoro di un concessionario.
Le indagini della magistratura, compresa quella più recente, hanno portato alla luce un quadro inquietante. E se per le responsabilità penali la giustizia farà il suo corso, per lo Stato quello che è emerso è abbastanza per pretendere che il sistema delle concessioni cambi radicalmente e che Aspi passi al più presto sotto il controllo di Cassa depositi e prestiti.
Non è uno spettacolo edificante quello che apprendiamo dai giornali, la notizia cioè di una dirigenza che oppone resistenza per tutelare gli azionisti.
Noi dobbiamo tutelare prima i nostri concittadini e chi circola per le strade. Non smetteremo mai di dirlo: la sicurezza degli italiani viene prima di qualunque interesse economico!

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Tutti noi abbiamo letto sui giornali di una morte assurda:

Si trasmette l’appello degli ex vicepresidenti del Parlamento Europeo Mario

Vittorio Feltri in un articolo pubblicato su Libero ricorda Gigi

“Siamo stupiti e fortemente contrariati dalla decisione assunta a Roma

MEDICINALI REQUISITI PER CURE CONTRO CORONAVIRUS. CODACONS SCRIVE AD AIFA

Non solo gomma e ferro: Sono infatti arrivati 250 milioni

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.