“Basta mortificare la donna trasformandola in uomo”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
mani

8 MARZO, Pro Vita & Famiglia: “Basta mortificare la donna trasformandola in uomo”

Roma – “Stiamo vivendo un periodo storico che mortifica la donna incoraggiandola a divenire come un uomo. Riconoscere la dignità della donna significa invece valorizzarla nella sue peculiarità e non trasformarla. Per questo e con questi obiettivi abbiamo lavorato a una mozione che sarà presentata in numerosi consigli comunali e regionali”: parte così la nota di Pro Vita & Famiglia per la Festa della donna dell’8 Marzo 2021.

“Uomo e donna non sono uguali ma complementari, diversi in tutto, dai genitali agli ormoni, e persino nel cervello. E noi vogliamo combattere le ingiuste e ignominiose discriminazioni verso le donne, vogliamo riconoscere la loro libertà di realizzarsi, secondo la loro autodeterminazione, sia nel lavoro, sia come madri e mogli” ha dichiarato Maria Rachele Ruiu, del direttivo della onlus.

“Il nostro lavoro – ha specificato Francesca Romana Poleggi, sempre membro del direttivo – è quello di VALORIZZARE LA PRESENZA DELLA DONNA NEI LUOGHI DI LAVORO E DI SOSTENERE LE DONNE CHE ACCOLGONO LA MATERNITA’ chiedendo di aumentare il congedo obbligatorio fino ad un anno e di sostenere i datori di lavoro perché si possano permettere di offrire alle mamme che lo desiderano forme di lavoro flessibili. Ma non solo. TUTELIAMO LA SALUTE DELLA DONNA: INFORMIAMOLA in modo veritiero, corretto e completo sulle patologie tipicamente femminili e sui rischi connessi alle decisioni in materia di salute sessuale e riproduttiva (aborto, fecondazione artificiale e contraccezione). E TUTELIAMO LE DONNE DALLA CONCORRENZA SLEALE DEGLI UOMINI: un’atleta donna nasce donna, non diventa donna a forza di ormoni, uomini che “si sentono donne” non possono gareggiare in sport femminili”.

“E’ ora di dire davvero basta allo sfruttamento del corpo della donna: le donne non sono un oggetto sessuale: basta pornografia, tratta e pratica dell’utero in affitto! LE DONNE MERITANO DI PIU’! SONO DI PIU’! Pro Vita & Famiglia sarà sempre #dallapartedelledonne” ha concluso Maria Rachele Ruiu.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Mentre il Premier Incaricato, Sempre Sia Lodato, leggeva la lista

Il Sottosegretario allo Sviluppo economico Mirella Liuzzi ha partecipato ieri

Il Friuli Venezia Giulia ritiene essenziale potenziare le relazioni con

La Madonna Della Loggia di Sandro Botticelli, dipinto proveniente dalle

Si parla tanto di Unione europea e di partner europei,

Il Movimento 5 Stelle si è tanto vantato di aver

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.