BENE DIMINUIRE I PEDAGGI DELLE AUTOSTRADE, MA CI SONO MOLTE COSE CHE NON CI CONVINCONO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
pedaggi

VA SEMPRE BENE DIMINUIRE I PEDAGGI DELLE AUTOSTRADE, MA CI SONO MOLTE COSE CHE NON CI CONVINCONO

OGGI IL SOLE 24 ORE SOLLEVA SERI DUBBI SUGLI EFFETTI BENEFICI DEL NUOVO SISTEMA, MA I CONSUMATORI NON SI FIDANO NE’ DELL’ART NE’ DI CONFINDUSTRIA E VOGLIONO CAPIRE DA SOLI.

L’ASSOCIAZIONE CHIEDE AD ART L’ACCESSO AGLI ATTI SU TUTTA L’ISTRUTTORIA E I DATI TECNICI DELLE DIRETTIVE. SERVE UN CONFRONTO SERIO SUI PEDAGGI TRA CONCESSIONARI E MIT, A CUI PARTECIPINO ANCHE I RAPPRESENTANTI DEI CONSUMATORI

Un tavolo di confronto urgente tra Governo, utenti e gestori autostradali in merito al nuovo sistema tariffario per le autostrade italiane. A chiederlo il Codacons, dopo le preoccupazioni giunte da più parti circa la riforma delle tariffe.

Le novità introdotte dall’Autorità sono positive laddove prevedono, sulla carta, vantaggi per i consumatori, come la possibilità di diminuzione del costo dei pedaggi qualora le società autostradali non rispettino gli impegni presi – spiega il Codacons – Tuttavia vogliamo vedere benefici concreti per gli utenti, e chiediamo maggiore trasparenza in merito ad alcuni aspetti della riforma che vanno approfonditi.

E’ giusto e utile che ci siano obiettivi di qualità integrati nel sistema tariffario, ma solo nella misura in cui siano orientati alla qualità realmente percepibile dai consumatori. Il rischio infatti è che il nuovo sistema tariffario possa portare ad un taglio netto alle attività di manutenzione sulla rete, proprio nel momento in cui è necessario intervenire con maggiore decisione sulla cura delle nostre autostrade per garantire maggiore sicurezza agli utenti – spiega il Codacons – Altro aspetto su cui chiediamo un confronto è quello sulla riduzione dei costi dei casellanti, che potrebbe avere ripercussioni sul fronte dell’occupazione. Va chiarito poi il nodo “traffico”, per evitare una possibile crescita dei pedaggi come conseguenza delle riduzioni di traffico sulla rete.

Per questo il Codacons chiede un incontro urgente tra Governo e concessionari, che veda anche la presenza dei rappresentanti degli utenti, affinché sia garantita trasparenza ai fruitori dei servizi autostradali anche attraverso la visione dell’istruttoria seguita dall’Autorità e dei dati tecnici delle direttive.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Il motivo? Perché il MoVimento 5 Stelle, pur essendo la

“La nostra posizione e il mio personale impegno contro l’#antisemitismo

Emergenza Coronavirus: la Pro Loco di Monterosso (La Spezia) invita

No alle discriminazioni sul posto di lavoro per gay e

Altalena di emozioni al ‘Franchi’ col Napoli che vince 4-3

Tutti a caccia di notizie sul bollo auto. La ridda

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.