Bonafede: “Nessun condizionamento in nomina capo Dap”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
bonafede

“La nomina a capo Dap nel 2018 è avvenuta secondo la legge, con la più ampia discrezionalità e non c’è stato alcun tipo di condizionamento”. Così il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, nella sua informativa alla Camera sulla vicenda della mancata nomina a capo del Dap nel 2018 di Nino Di Matteo.

“La trasparenza e la verità rappresentano sempre i migliori antidoti per dibattiti contaminati dalla menzogna e dalla malafede, dibattiti come quello degli ultimi 8 giorni aventi ad oggetto, per l’appunto, la nomina del capo Dap del 2018”, ha sottolineato il ministro. “Non mi riferisco alle parole del dottor Di Matteo: mi riferisco invece al fatto che su quelle parole pronunciate domenica 3 maggio 2020, il dibattito politico e mediatico ha generato una congerie di caotiche e vergognose illazioni e suggestioni istituzionalmente e personalmente inaccettabili”, ha spiegato.

“C’è un confine e un limite a tutto e per me, quel confine, in politica e fuori dalla politica è rappresentato dalla mia onorabilità, nonché dal rispetto degli altri e della memoria di chi è morto per servire questo Paese. Ebbene, questo confine è stato ampiamente superato”, ha proseguito il ministro. “Immagini delle stragi di mafia buttate a caso tra un chiacchiericcio e un altro di improvvisati esperti antimafia, l’alone di mistero intorno al nulla per evocare inesistenti retroscena, sono tutte operazioni -ha rimarcato- che mancano di rispetto proprio alle vittime di quelle stragi e ai loro familiari”.

“Adesso è necessario rassicurare tutti i cittadini che credono nella lotta alla mafia perché sappiano che il fronte antimafia rimane compatto”, ha ribadito Bonafede concludendo il suo intervento.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Il comparto della meccanica rappresenta uno dei pilastri del made

Dopo settimane di discussioni e confronto, l’Italia ha dato il

Mentre il governo rimane “bloccato da una perenne campagna elettorale”

Una firma per operare in sinergia e rendere più efficaci

Il trattato turco-libico sancisce l’irrilevanza del nostro paese a Tripoli.

“I fronti aperti sul tema della lotta alla violenza contro

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.