ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Caccia. Sì in Aula a risoluzione Rainieri (Lega) contro il divieto di attività venatoria

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
20160622_ciatoscana_caccia_atc_legge-620x400

Caccia. Sì in Aula a risoluzione Rainieri (Lega) contro il divieto di attività venatoria in fondi agricoli aperti: “Controllare gli ungulati”

Secondo Rainieri l’abrogazione dell’art. 842 del Codice Civile richiesta dai 5 stelle in Parlamento comprometterebbe gli equilibri ecologici del territorio. Favorevoli al testo il Partito democratico e Fratelli d’Italia

“Non si può impedire l’esercizio della caccia nei fondi agricoli aperti, perché serve alla conservazione della biodiversità e degli equilibri ecologici nonché riduce i danni all’agricoltura e gli incidenti stradali provocati da animali selvatici.” Lo sostiene Fabio Rainieri della Lega che, con una risoluzione approvata oggi in Aula, chiede alla Regione di attivarsi in tutte le sedi istituzionali (anche all’interno della Conferenza Stato Regioni e Province Autonome) perché venga scongiurata l’abrogazione dell’art. 842 del Codice Civile, voluta da un disegno di legge in materia di tutela degli animali targato Cinquestelle.

L’abrogazione della legge, spiega il consigliere nell’atto, “limiterebbe notevolmente l’esercizio della caccia e comprometterebbe il complesso impianto legislativo che regola la stessa attività venatoria e la protezione della fauna selvatica”. Soprattutto- rimarca Rainieri- in un momento come quello attuale, dove, a causa dell’interruzione e del rallentamento delle battute di caccia a causa della pandemia, si è avuta una proliferazione incontrollata di alcune specie animali selvatiche che rischia di compromettere gli equilibri ecologici oltre che aumentare a dismisura sia i danni alle attività agricole che gli incidenti stradali”.

La risoluzione trova il voto favorevole dei colleghi di minoranza di Fratelli d’Italia con Michele Barcaiuolo e del Partito democratico, che, come spiega Manuela Rontini, è convinto sia venuto il momento di mettere mano alla normativa nazionale sulla caccia “anche perché gli animali stanno creando danni alle coltivazioni e alle persone”. Contrari, invece, Europa Verde con Silvia Zamboni, il Movimento 5 stelle con Silvia Piccinini ed ER Coraggiosa, forze politiche storicamente critiche verso l’attività venatoria.

(Giulia Paltrinieri)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

“Quella andata in scena ieri è l’ennesima tragicomica consumata sulla

Il direttore regionale dell’Organizzazione, Hans Kluge: “Continuare con vaccinazione Astrazeneca”

marcozzi

“Al Presidente Marsilio non sembra essere bastato aver già creato

Il giornalista è lo spot vivente dell’Italia che se ne

impresa

La scorsa settimana durante l’esame del decreto Sostegni, su cui

l'abbate

Un’occasione che sindaci, enti locali e dirigenti scolastici non devono

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.