ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Cannabis light in quarantena?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
1574935909326-justmary3_1

Cannabis light in quarantena? Crescita del 600% per Justmary (che entro la fine dell’anno si quoterà alla borsa di Vienna)

Matteo Moretti, CEO di JustMary.fun: “Gli Italiani utilizzano i nostri prodotti per rilassarsi e dormire meglio. In pochi mesi abbiamo fatturato quanto prevedevamo di fatturare durante tutto il 2020 e diamo lavoro a 34 persone”

Milano – Gli Italiani in quarantena si sono messi alla ricerca di un modo per passare il tempo e rilassarsi, ingegnandosi nelle maniere più particolari e, dai primi segnali, anche la fase 2 proporrà lo stesso menù. Il lato negativo della medaglia è che in questo periodo molti di loro hanno sviluppato disturbi del sonno e sintomatologie da stress. Sembra però che alcuni abbiamo trovato la maniera di vivere questo periodo in maniera serena.

Una parte di merito potrebbe essere l’effetto dell’aumento esponenziale delle vendite online di cannabis legale, un fenomeno esploso tutto nelle ultime settimane. In questo contesto si inserisce JustMary.fun, il player più importante in Italia quando si parla di vendite online di marijuana light. La società consegna i propri prodotti direttamente al domicilio dei clienti, così da garantire la privacy di ciascun acquirente, il tutto grazie al lavoro di riders in borghese. Il risultato della crescita esponenziale della società è quindi che JustMary sta aiutando chi, in un momento di ansia o di noia, cerca una maniera di svagarsi e di rilassarsi. Senza contare che la società sta raggiungendo un altro importante traguardo: quello di vedere ridotte le vendite di chi vende cannabis in maniera illegale.

“Stiamo crescendo del 600% rispetto ai numeri dello scorso anno e, entro la fine del 2020, ci quoteremo alla borsa di Vienna. Tutto ciò è il risultato di una crescita imponente, tanto che in quattro mesi abbiamo fatturato quanto era preventivato per tutto il 2020 e, a Luglio, supereremo il milione di euro di ricavi – ha spiegato Matteo Moretti, CEO di JustMary – Oltre a questo, abbiamo triplicato il personale, passando da 10 a 29 collaboratori, oltre che alzato lo stipendio ai nostri rider, garantendo loro diritti che altre società gli avrebbero negato. Siamo l’impresa che cresce in maniera sana e che aiuta gli Italiani a rilassarsi”.

Nel suo percorso di quotazione verso la borsa di Vienna, JustMary si sta avvalendo del supporto di Pairstech Capital Management LLP, il decimo fra i players più attivi sul mercato bond in Italia, superando per mole gestita nomi come BPER, Cariparma e Banca Promos.

Maggiori informazioni su JustMary.fun
JustMary.fun è un’azienda con sede a Milano, che offre un servizio di consegna di prodotti a base di marijuana light gratuito e completamente anonimo. Tutti i prodotti offerti dall’azienda arrivano a casa nell’arco di 45 minuti, grazie all’importante lavoro dei fattorini che lavorano per la società. JustMary è attualmente attiva a Milano, Monza, Torino, Firenze e Roma.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

deluca

“Il 24 si comincia, ci auguriamo in condizioni migliori di

Da patogeno che colpisce la salute dei cittadini a virus

Sono centinaia i procedimenti informatizzati, e aumenteranno ancora, il 4

Il successo del crowdinvesting ottenuto dalla startup italo tedesca rivela

zingaretti

Nicola Zingaretti è stato bocciato anche come governatore del Lazio.

Blocco su Instagram e Facebook a numerosi account del movimento

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.