Carceri Emilia-Romagna: lavoratori a rischio nelle mense

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
carcere

«No grazie, i lavoratori delle mense delle carceri dell’Emilia-Romagna non ci servono». È la dichiarazione rilasciata dai responsabili del gruppo Serenissima Ristorazione, l’azienda di Vicenza che si è aggiudicata la fornitura del servizio mensa agli agenti penitenziari di sette carceri della regione. L’appalto interessa gli oltre trenta lavoratori occupati nelle mense delle carceri di Modena, Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Bologna, Ferrara e Rimini. «Dopo aver atteso anni per vedere riconosciute regolarmente le loro retribuzioni, compreso il tfr, queste persone si vedono anche negare la possibilità di essere occupate nell’appalto nel quale hanno prestato servizio negli ultimi anni – denunciano Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uitucs Uil Emilia-Romagna – Serenissima Ristorazione, infatti, richiamando la situazione complessa che ha visto coinvolta la società Food & Facility, nega l’applicazione di quanto previsto dal ccnl di settore. Dopo il danno, quindi, la beffa. Per questo chiediamo un incontro urgente al Provveditorato regionale Emilia Romagna – Dipartimento Polizia Penitenziaria, per la salvaguardia occupazionale e il rispetto dei diritti contrattualmente previsti». Ricordiamo che nei mesi scorsi i lavoratori occupati tramite Food & Facility nell’appalto per la fornitura dei servizi mensa nelle carceri dell’Emilia-Romagna hanno scioperato più di una volta per protestare contro i continui ritardi nel pagamento degli stipendi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

GENOVA – Sono 70mila i matrimoni saltati. Il Coronavirus ha

L’assessore ad Autonomie locali e Sicurezza del Friuli Venezia Giulia

FIGC E DANONE LAVORANO A PROPOSTE DI ATTIVITA’ ALTERNATIVE PER

Nei prossimi 5 anni oltre l’80% dei medici specialistici andrà

Il mondo del cinema e della televisione italiana del Novecento

la prima è che i giocatori africani stanno spostando il

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.