Carceri. Marighelli lancia l’allarme: “Sovraffollamento al 30% e strutture inadeguate”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
-Marighelli-e-presidente-Mori-696x322

“Si regista un ritorno al sovraffollamento nelle carceri dell’Emilia-Romagna”. La denuncia arriva dal Garante regionale delle persone private della libertà personale, Marcello Marighelli, che in mattinata ha presentato in Commissione per la parità e per i diritti delle persone, presieduta da Roberta Mori, la relazione sull’attività della sua struttura nel 2018.

Sono infatti, ha spiegato Marighelli, “3.631 i detenuti nelle strutture carcerarie della regione, mentre la capienza è di soli 2.795 posti (dati al 31 maggio 2019)”. I detenuti in più sono 836, il tasso percentuale di eccesso è del 30%. Le donne sono 148, gli stranieri 1.881, circa la metà dunque, e i detenuti in semilibertà 72.

Il Garante ha poi sollevato il problema della presenza in carcere di donne con figli al seguito o in gravidanza, rilevando che in Emilia-Romagna non esistono strutture in grado di prendersi in carico questi casi: “La presenza di bambini in carcere non è accettabile, occorre un intervento risolutivo, questa regione si deve dotare di una struttura adeguata”. Marighelli ha poi riferito di avere informato la magistratura su due casi limite nel carcere di Modena.

Il Garante ha poi spiegato che sono state avviate nel 2018 verifiche nei centri di accoglienza per stranieri e nelle strutture sanitarie della regione e in quelle residenziali rivolte a persone anziane. Avviati anche diversi progetti collegati al benessere organizzativo del personale della polizia penitenziaria e alla formazione dei volontari all’interno del carcere. C’è anche l’impegno dell’organo di garanzia per rendere operativi gli accordi con Anci e Anusca.

La consigliera Silvia Prodi (Misto-Mdp), sul tema delle donne con figli al seguito, ha confermato che “verrà accolto l’appello del Garante” a ricercare soluzioni sul problema. È poi intervenuta sulla situazione del Hub di via Mattei, ribadendo l’impegno a intervenire per “garantire a queste persone un trattamento dignitoso”.

Sulla stessa linea, sul tema detenute con bambini, anche Francesca Marchetti (Pd), che ha proposto “un’azione concordata con gli organi di garanzia”. La consigliera ha poi sollevato il tema del ruolo delle residenze per l’esecuzione delle misure di sicurezza.

Antonio Mumolo (Pd) ha invece posto l’accento sull’importanza del lavoro per i detenuti, anche dopo la detenzione, rimarcando l’importanza del ruolo di Anci e Anusca, oltre che degli istituti di Patronato attivi in carcere.

(Cristian Casali)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Si possono fare diversi tipi di analisi, all’indomani di qualsiasi

È il frutto del lavoro che abbiamo messo in campo

PALERMO – “Quello del Parco Tindari è un successo dei

IN OLANDA, L’ESPERIENZA ITALIANA DI ISPE SANITA’ ALL’OPEN HOUSE 2019

TOTI E BERRINO POTREBBERO AVERE LA BONTÀ DI SPIEGARCI PERCHÉ

Il portavoce di Fratelli d’Italia a Napoli, Andrea Santoro, ha

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.