ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Carige: “Bozza di prospetto a Consob per aumento di capitale a dicembre”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
carige

GENOVA – E’ stata consegnata in Consob la bozza del prospetto per l’aumento di capitale di Carige. L’idea dell’istituto è procedere con la ricapitalizzazione a dicembre, entro Natale. Perché la scadenza venga rispettata il prospetto dovrebbe venir approvato entro fine mese e così andranno sistemate per tempo le diverse partite aperte dalla banca: dall’accordo sindacale, ai contratti con Amco (gia’ Sga) sulle esposizioni non performing (npe), agli accordi transattivi su Amissima e Credito Fondiario (ex Fonspa).

Nell’accordo quadro tra Cassa centrale banca (Ccb), il Fondo interbancario di tutela dei depositi (Fitd), lo Schema volontario (Svi) e Carige (accordo riservato e che è stato possibile consultare, ndr) si parla di una scadenza il 30 novembre perché l’istituto ligure definisca le varie partite. Ma perché in Consob arrivi e venga approvato il prospetto definitivo sull’aumento di capitale, indicativamente tra il 25 e il 30 novembre, servirà che tutti gli accordi vengano raggiunti una decina di giorni prima.

Per Amco-Sga l’accordo quadro fa riferimento invece a una scadenza il 30 settembre, prorogabile, per sottoscrivere gli accordi previsti nell’offerta sui 3,1 miliardi sugli npe di Carige e l’offerta ‘high risk exposures’, l’accordo cioè per la concessione di garanzie sul portafoglio di crediti in bonis di Banca Carige considerato High Risk. Ma va ricordato che qui l’istituto è già da tempo al lavoro, visto che sugli npe l’offerta vincolante di Sga e’ arrivata da ultimo a giugno. Al passaggio a Amco-Sga delle sofferenze e inadempienze probabili è legato anche l’accordo da raggiungere con il Credito Fondiario rispetto all’interruzione del contratto di servicing stipulato a maggio 2018.

A conto economico nella semestrale Carige c’è l’impatto di un accantonamento di 25 milioni, corrispondente all’importo stimato delle penali Emerge ora dall’accordo quadro che è già previsto che le sofferenze tornino in gestione al Credito Fondiario, con l’impegno a mantenere una sede operativa sulla piazza di Genova. I 25 milioni, secondo quanto e’ stato possibile ricostruire, sarebbero legati pero’ alla parte delle sofferenze che non torneranno al Credito Fondiario.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

verde

È quanto emerge in sintesi dai dati del recente sondaggio

prandini

La scelta deve tutelare la vocazione dei territori in un

Viareggio (LU) – L’ Associazione Culturale Liberty presenterà domenica 1

Questa notte, all’interno di un terreno privato in via Teano,

FIRENZE – Un incontro con i vertici dell’azienda e le

La Giunta regionale della Lombardia, su proposta dell’assessore all’Istruzione, Formazione

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.